San Benedetto, troppo lavoro e pochi rinforzi: è fuga dal Pronto soccorso. Gli infermieri preferiscono andare al 118

San Benedetto, troppo lavoro e pochi rinforzi è fuga dal Pronto soccorso. Gli infermieri preferiscono andare al 118
San Benedetto, troppo lavoro e pochi rinforzi è fuga dal Pronto soccorso. Gli infermieri preferiscono andare al 118
di Alessandra Clementi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 30 Settembre 2022, 02:50

SAN BENEDETTO - Fuga di infermieri dal Pronto soccorso per approdare al 118. Scade lunedì il bando attraverso il quale il corpo infermieristico dell’emergenza del Madonna del Soccorso dovrà decidere se rimanere al Pronto soccorso o andare a lavorare al 118 e in molti sembrano preferire quest’ultimo settore. Intanto prosegue il servizio di vaccinazione che da lunedì sarà rivolto a tutte le fasce di età dai 12 anni in su.  

La fuga verso il 118 è dovuta al fatto che al Pronto soccorso è sempre più caos con il personale sempre più carente. Attualmente i malati Covid, che fino a ieri stazionavano presso il Pronto soccorso, ora sono sistemati a Medicina d’urgenza, in carico ai vari reparti di appartenenza. Precisamente sei letti Covid e 7 letti no Covid, durante il giorno non sussisterebbero problemi di gestione avendo come riferimento il medico e il primario del reparto di appartenenza ma di notte senza primari, il personale del Pronto soccorso deve recarsi alla Murg e occuparsi dei vari pazienti. 

Gestione completamente diversa da quella del Mazzoni di Ascoli dove di notte presso Medicina d’urgenza intervengono i dottori del Dipartimento medico quindi gli specialisti di Medicina, Geriatria, Diabetologia. In questo modo il reparto di emergenza non va in affanno. 

Nuova organizzazione
 

A partire da ottobre prenderà il via la nuova organizzazione che prevede una separazione dei ruoli del corpo infermieristico tra Pronto soccorso e 118, operazione fortemente voluta dal direttore dell’AV5 Massimo Esposito proprio per venire incontro alle richieste del personale, mentre fino a oggi si lavorava senza distinzione di ruoli. Era da tempo che il settore attendeva questo tipo di intervento ed ora è stato accontentato. Il problema però è che il numero degli infermieri è rimasto inalterato e con questo bando si assisterà anche a una fuga a favore del 118, quindi rimane l’esigenza di potenziare il numero degli operatori. 

Infine non va dimenticato il problema Covid. Ecco allora che da domani parte la vaccinazione contro il Covid estesa alla popolazione dai 12 anni in su con i vaccini bivalenti anti Covid-19, aggiornati alle varianti Omicron BA.4-5 (Pfizer e Moderna. Per quanto riguarda la Riviera rimane l’hub vaccinale di via Vittorio Veneto 22 con gli orari di apertura: lunedì e mercoledì dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 14 alle ore 18, esclusi però i giorni festivi. A partire da oggi alle 10 quindi sarà possibile per tutti prenotarsi sul portale di Poste italiane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA