L’istituto Vivaldi ha una tempra molto forte: suona e non si arrende alla pandemia

Mercoledì 21 Aprile 2021
L istituto Vivaldi ha una tempra molto forte: suona e non si arrende alla pandemia

SAN BENEDETTO Meno iscritti, più spese per le sanificazioni. Anche l’istituto Vivaldi, storica istituzione musicale sambenedettese, è alle prese con gli effetti della pandemia che, comunque, non hanno fermato le attività didattiche, proseguite nel segno della sicurezza anti-Covid. Già acquistato un termo-scanner. Per la pulizia prevista una spesa annuale di 11.600 euro: aumentata rispetto al passato.

LEGGI ANCHE:

Tredici consiglieri comunali indagheranno sui lavori allo stadio Riviera delle Palme

 


Tutto questo emerge da un recente documento programmatico elaborato dal consiglio d’amministrazione del “Vivaldi”, guidato dal presidente Francesco Romano. L’atto copre il periodo 2021-2023. «La mission dell’Istituzione “A. Vivaldi” sarà sempre quella di avvicinare persone, in particolar modo giovani, alla nobile pratica musicale - si legge nell’elaborato -. Gli allievi frequentanti negli ultimi tre anni sono stati in media 150-200. Nell’anno accademico in corso, considerate anche le problematiche connesse all’attuale situazione emergenziale, si registra un calo delle iscrizioni ai corsi musicali, che comunque si attestano sopra a 100». In ogni modo, purtroppo la pandemia ha cambiato alcuni aspetti della pratica educativa musicale.

«I corsi di propedeutica e di solfeggio si effettuano, per l’anno accademico in corso, in forma individuale per ottemperare alle misure di contenimento e contrasto al virus Covid-19 emanate dagli organi competenti - proseguono dal “Vivaldi” -. Per analoghe ragioni non è stata attivata l’orchestra formata dagli allievi». Per quanto riguarda il progetto che prevede lo svolgimento di lezioni di musica presso le scuole cittadine convenzionate, sono stati sospesi i laboratori organizzati sulla base delle relative convenzioni con l’Istituto scolastico comprensivo Nord e con quello Sud, date le difficoltà organizzative connesse all’emergenza sanitaria. 

Resta invece in vigore, anche per il corrente anno accademico, la convenzione triennale con il conservatorio musicale “Giovanni Battista Pergolesi” di Fermo, che offre importanti vantaggi agli allievi del “Vivaldi”, sia in fase di ammissione al corso accademico che per la partecipazione gratuita a seminari e masterclasses. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA