Insospettabile finisce in manette per droga: due etti e mezzo di marijuana nell'auto intestata al padre

Martedì 19 Ottobre 2021
Insospettabile finisce in manette per droga: due etti e mezzo di marijuana nell'auto intestata al padre

SAN BENEDETTO -  E’ un insospettabile il giovane che, i carabinieri della stazione di Grottammare e quelli della compagnia di San Benedetto, sabato, hanno arrestato dopo essere stato fermato con un carico di marijuana di quantità non irrilevanti.

 

E’ accaduto a Grottammare dove i militari hanno fermato, per un normale controllo, un’autovettura in circolazione nella zona della Statale 16. Alla guida del veicolo c’era un ragazzo ventiduenne, figlio di un tunisino. L’auto era intestata al padre. Ma quello che i carabinieri hanno notato è stato l’atteggiamento estremamente nervoso del ragazzo che, alla vista dei militari, è andato nel pallone facendo sorgere nei carabinieri il sospetto che avesse qualcosa da nascondere. Così una volta controllati i documenti suoi e del veicolo, è scattata la perquisizione sia del soggetto alla guida del mezzo che della stessa macchina. Ed è venuto fuori che i militari avevano visto lungo e che i loro sospetti erano fondati dal momento che nell’autovettura il giovane nascondeva oltre 250 grammi di marijuana in più involucri, oltre a bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi.

La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire inoltre un Iphone che ad un rapido controllo è risultato rubato. Il 22enne è stato quindi condotto in caserma e tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e denunciato per la ricettazione del telefono. Il giovane è ora a disposizione della Procura della Repubblica di Fermo, competente per territorio. Con questo duro colpo inferto al mercato dello spaccio sulla costa, l’operato dell’Arma continuerà in maniera sempre più incisiva su tutto il territorio provinciale, allo scopo di prevenire ed arginare il pericoloso fenomeno delittuoso della compravendita di stupefacenti, sempre pronti ad intervenire in caso di necessità dei cittadini. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA