Incastrato dai gratta e vinci rubati al bar: studente agli arresti domiciliari, ma potrà andare a scuola

Mercoledì 26 Febbraio 2020
San Benedetto, incastrato dai gratta e vinci rubati al bar: studente agli arresti domiciliari, ma potrà andare a scuola

SAN BENEDETTO - La nottata di quattro giovani balordi si è conclusa ieri mattina, come primo atto, in un’aula del tribunale di Ascoli davanti al giudice Claudia Di Valerio che ha celebrato il rito direttissimo per uno dei quattro, risultato maggiorenne. Da precisare che il furto è stato commesso da due ragazzi, uno è minorenne, mentre gli altri due hanno soltanto assistito all’azione delinquenziale. Il furto è avvenuto l’altra notte nel bar Pasubio di Porto d’ Ascoli. I quattro giovani, intorno alle 3,30, hanno asslatato il al bar. 

LEGGI ANCHE:
Ancona, consuma con la squillo poi la picchia per riprendersi i 50 euro pagati: arrestato per rapina

In casa mezzo chilo di marijuana, tre serre per coltivarla e un machete: arrestato inglese disoccupato


I componenti della pattuglia come prima cosa hanno provveduto ad avvertire il proprietario il quale una volta giunto sul posto ha proceduto a stilare il bilancio di ciò che era stato rubato: 21 gratta e vinci da 20 euro ciascuno. 
Poi, sono andati avanti visionando il filmato che era stato girato dalle telecamere di sicurezza. Le immagini hanno immortalato i due giovani che erano entrati nel bar. Uno è risultato minorenne per cui è stato denunciato al tribunale dei minorenni di Ancona. L’altro, invece, ha da poco compiuto il diciottesimo anno di età. Si tratta di un giovane afgano che da qualche tempo vive con la famiglia in Riviera e studia alle Superiori. 
Una volta inquadrate le figure dei malviventi, i carabinieri si sono messi allo ricerca. Il giovane afgano è stato intercettato nei pressi dello stadio Ballarin e fermato. Addosso gli sono stati trovati i “gratta e vinci” trafugati nel bar Pasubio. Condotto in caserma si è proceduto alla sua identificazione e, su disposizione del sostituto procuratore di turno, messo agli arresti domiciliari. Ieri mattina il giudice Claudia Di Valerio dopo aver convalidato il suo arresto, ha disposto che il ragazzo della rientrare nella propria abitazione alle 22 di sera e che possa uscire, per consentirgli di frequentare la scuola, alle 7 di mattina. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA