Quasi un milione di euro dai parcheggi: va in archivio un'estate da record per la Riviera delle palme

Quasi un milione di euro dai parcheggi: va in archivio un'estate da record per la Riviera delle palme
Quasi un milione di euro dai parcheggi: va in archivio un'estate da record per la Riviera delle palme
di Alessandra Clementi
3 Minuti di Lettura
Martedì 20 Settembre 2022, 03:35 - Ultimo aggiornamento: 17:01

SAN BENEDETTO - Il Comune incassa 901.289,58 euro dai parcheggi blu del lungomare. Un ottimo bottino se si pensa che lo scorso anno era stato di 707.109,97 euro. Anche se questo aumento non equivarrebbe a un aumento di arrivi e presenze turistiche bensì all’aumento delle tariffe applicato questa estate.

Per quanto riguarda i grattini gli incassi dell’estate che sta per terminare sono stati di 215mila euro, a cui si aggiungono quelli dei parcometri di 404.025 euro, mentre i pagamenti avvenuti con l’app Easypark e MyCicero sono stati di 120.986 euro, gli incassi tramite carta di credito sono ammontati a 33.456 euro e infine i pagamenti dai permessi rilasciati sono stati di 125.800 euro. Una buona annata si direbbe, che fa entrare nelle casse comunali oltre 900mila euro, ma l’andamento si era visto già nei mesi di luglio e agosto e quest’anno si è pagato anche nei fine settimana di giugno e per la prima volta a settembre fino alla scorsa settimana. Agosto si era chiuso con circa 335mila euro incassati, a cui si aggiungono i 383mila di luglio e i 116 mila dei weekend di giugno. Cifre, ovviamente superiori a quelle degli anni sotto pandemia. 

Il raffronto 

Basti pensare che nel 2021 gli incassi si fermarono a 705.805 euro ma va ricordato che l’anno scorso il mese di giugno il parcheggio era sempre gratuito, e di gran lunga superiori ai 558mila del 2020 quando le tariffe vennero dimezzate per la pandemia, mentre un raffronto è possibile con il 2019 quando il tesoretto ammontò a 794mila euro. Sedici anni di parcheggi blu sul lungomare, un balzello, nato per finanziarne la riqualificazione e che poi è diventato indispensabile. Un incasso che viene ripartito per il 52% nelle casse del Comune e per il restante 48% per la Multiservizi che gestisce le soste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA