Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

San Benedetto, degrado e abbandono
nell'ex sede del Consorzio turistico

San Benedetto, degrado e abbandono nell'ex sede del Consorzio turistico
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 21 Ottobre 2015, 20:16 - Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre, 05:55
SAN BENEDETTO - L'ex sede del Consorzio Turistico Riviera delle Palme, si sta infatti trasformando lentamente in dormitorio.

Dà asilo un po' a chi capita. Di certo a chi ha scelto di appoggiarsi, sulla panche esterne della struttura, che si trovano dentro il recinto ma fuori dai locali veri e propri dell'ex Azienda di Soggiorno che però, nelle scorse settimane, sarebbe stati utilizzati anche da qualche senzatetto.

Qualcuno avrebbe anche rubato il telo di una delle imbarcazioni da vele che si trovano nell'adiacente area di rimessaggio del Circolo Nautico

Un telo utilizzato per coprirsi e ripararsi dal freddo. E non serve entrare nei locali dell'ex sede del Consorzio turistico per rendersi conto che, effettivamente, dentro qualcosa non va. Il caos, ad osservare dall'esterno le vetrate che danno sull'area orientale della struttura, sembra regnare sovrano. Non è soltanto l'incuria degli ultimi trascorsi nel deserto di presenze e attività della struttura (di competenza demaniale) ma il disordine di carte e cartacce gettate in terra, bicchieri di plastica appoggiati sulle sedie.

Su una panca, all'interno della struttura, c'era addirittura una tazzina da caffè. Poi, come se non bastasse, le segnalazioni di persone che, soprattutto nelle ore notturne, affermano di notare strani movimenti intorno all'edificio e, a corroborare il tutto, i vari depliant di promozione turistica evidentemente portati all'esterno della struttura da qualcuno che, probabilmente, sceglie in base alle esigenze e alle condizioni meteorologiche, se dormire dentro o fuori l'edificio. Un vero e proprio peccato, a detta di molti, per una sede che per decenni ha rappresentato il fiore all'occhiello del turismo locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA