San Benedetto, il doppio Gps nascosto nel veicolo rubato beffa i ladri a Cerignola. Arriva la polizia, il furgone aveva già la targa cambiata

San Benedetto, il doppio gps nascosto nel veicolo rubato beffa i ladri. Arriva la polizia, il furgone aveva già la targa cambiata
San Benedetto, il doppio gps nascosto nel veicolo rubato beffa i ladri. Arriva la polizia, il furgone aveva già la targa cambiata
di Emidio Lattanzi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Settembre 2022, 03:25 - Ultimo aggiornamento: 29 Settembre, 09:42

SAN BENEDETTO - È stato un localizzatore Gps che i ladri erano convinti di aver disattivato a consentire alla polizia di rintracciare un furgone rubato in Riviera e portato fino a Cerignola. La buona notizia è che l’azienda titolare del mezzo ha potuto recuperarlo integro e in buone condizioni dal momento che i malviventi non erano ancora riusciti ad avviare il processo di smembramento. Ma erano convinti di averla fatta franca.  
Tutto è iniziato intorno alle 4 di venerdì mattina in via Todaro, la strada che collega l’area di via Forlanini e via Togliatti. Lì era stata posteggiato il furgone che il dipendente dell’azienda aveva deciso di portare a casa per poter iniziare in anticipo il lavoro il giorno successivo.

La scoperta 

«È una cosa che ho deciso all’ultimo momento - spiega - e, tra l’altro, è una cosa che non faccio praticamente mai». Ha parcheggiato il mezzo ed è andato a casa. La mattina seguente il furgone non c’era più. È subito scattata la denuncia alla polizia che ha avviato le indagini rilevando che il localizzatore Gps montato sul veicolo era stato disattivato pochi minuti dopo le 4 in via del Correggio, ad una manciata di metri dal luogo dove il furgone era stato rubato. A quel punto ogni speranza di recuperare il veicolo era sembrata ormai morta. E di questo erano sicuri anche gli autori del colpo che, nel frattempo, erano arrivati a Cerignola.

Il secondo localizzatore nascosto

Parcheggiato il mezzo in un’area di sosta privata gli avevano anche cambiato targa. Nessuno poteva immaginare che, di lì a poco, in quell’area di sosta si sarebbe presentata la polizia. A bordo del mezzo c’era un altro localizzatore installato da un’azienda di sicurezza. Un dispositivo del quale i ladri ignoravano l’esistenza mentre l’azienda forniva alle forze dell’ordine le preziose coordinate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA