È morto don Domenico Vitelli, parroco e missionario. Aveva vissuto in Camerun e ampliato la parrocchia di San Filippo Neri

Don Domenico Vitelli
Don Domenico Vitelli
di Emidio Lattanzi
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 04:10

SAN BENEDETTO - E’ morto all’età di 83 anni don Domenico Vitelli, sacerdote estremamente noto e benvoluto lungo tutto il territorio della Riviera delle Palme ma anche all’estero, attraverso la sua lunga missione in CamErun portata avanti negli anni Novanta.

Don Domenico è scomparso nella giornata di giovedì. Nato nel 1938 a Grottammare, ha compiuto i suoi primi passi da sacerdote nella parrocchia di San Pio V, proprio nella sua città natale, a Grottammare. Dopo questa fase è stato nella neonata chiesa di San Filippo Neri dove, come egli stesso aveva dichiarato all’organo ufficiale della Diocesi, l’Ancora, era arrivato con la chiesa ancora da completare. «Quando arrivai la parrocchia contava 1500 persone, quando andai via ne erano diventati 8mila. Io li conoscevo tutti». Mentre era vice parroco a San Filippo Neri insegnava alle elementari, alle medie e al seminario di Ripatransone. 
All’inizio degli anni Novanta prese una importante decisione. Scelse la strada delle missioni e andò in Camerun.

Dall’Africa è tornato nel 2000 quando il vescovo, nel frattempo, era diventato monsignor Gervasio Gestori. Fu inviato a Ripatransone per occuparsi delle quattro parrocchie che esistevano sul territorio comunale. Dopo alcuni anni si mise a riposo.E proprio a Ripatranone attualmente viveva presso le Suore Teresiane. I funerali si terranno questa mattina alle 10, presso il Duomo di Ripatransone. Sarà quindi sepolto nel cimitero cittadino. La notizia della sua scomparsa ha rattristato tutta la comunità della Riviera e dell’immediato entroterra. Don Domenico, nel corso della sua vita, aveva infatti conosciuto e si era fatto benvolere da centinaia, forse migliaia, di famiglie di tutto il territorio. E in tanti, nelle ultime ore, lo hanno ricordato anche attraverso i social menzionando le sue grandi qualità umane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA