Famiglia indiana messa in quarantena: la Riviera trema per la paura della variante

Giovedì 6 Maggio 2021
L'ospedale di San Benedetto

SAN BENEDETTO  - Preoccupazione in Riviera per la possibilità di contagio con la variante indiana. L’allarme è scattato ieri quando il personale dell’ospedale di San Benedetto è stato chiamato ad un intervento di urgenza per una donna di origini indiane di 52 anni soccorsa per alcuni problemi.

LEGGI ANCHE:

Dal Sanzio ai centri vaccinali, una staffetta per le dosi Pfizer. Ecco come sarà ritoccata l’agenda dei richiami

 

Gli operatori sanitari hanno ravvisato la possibilità del rischio di presenza del virus per cui la donna è stata sottoposta a tutti gli esami del caso. Il test del tampone è risultato negativo ma i valori degli anticorpi del test sierologico erano parecchio elevati, segnale che la donna è stata contagiata e, probabilmente, aveva contratto la variante indiana. Per questo motivo è stata ordinata la quarantena per tutti i familiari conviventi che erano con lei al fine di capire se la donna possa aver contagiato qualcuno di loro che potrebbe essere ancora positivo. Controlli di conseguenza necessari al fine di scongiurare la possibilità di un cluster o di un focolaio legato alla famigerata variante che sta provocando problemi in tutto il mondo. 


La variante indiana del virus del Covid-19 è stata infatti sequenziata in almeno una ventina di Paesi in tutto il mondo, fra cui l’Italia, secondo quanto rivelato dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nel suo bollettino settimanale sulla pandemia. La mutazione del virus che sta flagellando con un impeto finora sconosciuto l’India, detta anche variante B.1.617, è stata rilevata in oltre 1.200 sequenziamenti caricati sulla banca dati internazionale Gisaid, ricorda l’Oms. Nelle prossime ore, certamente oggi, dovrebbero arrivare notizie sugli esiti degli esami ai quali sono stati sottoposti i familiari della cinquantaduenne. La speranza è che arrivino buone notizie altrimenti sarà necessario ripercorrere tutta la catena dei contatti e occorrerà farlo anche alla svelta considerato il tipo di ceppo del virus di cui si sta parlando e che sta spaventando un po’ ovunque.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA