Caos movida, weedend di controlli: sedata una zuffa e c'era anche un tassista abusivo

Caos movida, weedend di controlli: sedata una zuffa e c'era anche un tassista abusivo
Caos movida, weedend di controlli: sedata una zuffa e c'era anche un tassista abusivo
di Emidio Lattanzi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Luglio 2022, 05:30

SAN BENEDETTO Notte di controlli lungo la Riviera delle Palme. I carabinieri hanno costantemente pattugliato le zone più calde di San Benedetto, in particolar modo centro e lungomare, controllando persone, auto e locali. Ed hanno anche intercettato un tassista abusivo che si era messo a disposizione del popolo della notte per garantire gli spostamenti tra i locali e verso casa ai giovani non automuniti i impossibilitati a guidare a causa dell’alcol. Ma andiamo con ordine. 

 
Ispezione del Nas
La prima parte della nottata è stata caratterizzata dai controlli dei militari, e in particolar modo dei Nas, all’interno dei locali della Riviera. Uno di questi, in centro, è stato sanzionato per carenze igienico sanitarie. La seconda parte, parliamo di poco prima dell’alba, ha invece visto una ragazza venire fermata dai militari. Era al volante di una Renault Modus e trovata positiva al test dell’etilometro. Le è stata ritirata la patente e il mezzo è stato sequestrato. Poco prima, in viale Trieste, proprio all’inizio del lungomare, è stato fermato un tassista abusivo. Un uomo di origini ucraine, verosimilmente tassista nel suo paese, che è arrivato qui con il proprio mezzo e che stava esercitando senza avere la licenza per farlo in Italia. Per questo motivo è stato sanzionato dai militari e invitato a rispettare le regole.

E ucraini sono anche i protagonisti di un episodio avvenuto nel primo pomeriggio di ieri. E’ accaduto in viale Europa, sul lungomare. Tre persone stavano attraversando la strada nel momento in cui passava l’auto condotta dal quarto uomo coinvolto nel tafferuglio. Quest’ultimo, spazientito dall’essersi dovuto fermare per consentire il passaggio ai tre, avrebbe iniziato a mandare su di giri il motore. Una reazione che, evidentemente, non è piaciuta ai tre pedoni. Uno di loro si sarebbe infatti rivolto a lui in malomodo provocando la sua reazione. L’uomo è sceso dall’auto e sono iniziati spintoni e qualche pugno. Provvidenziale la presenza, in zona, di una agente della polizia locale che si è subito frapposta tra i vari contendenti riportando, con estrema fatica, la calma. Sul posto sono poi intervenuti i carabinieri che hanno identificato tutti i quattro protagonisti di questa vicenda. Insomma un weekend abbastanza movimentato quello vissuto in Riviera se si fa la somma con l’assurda vicenda di via Laberinto avvenuta nella serata di venerdì. E proprio l’argomento è finito tra i temi della politica. Ad intervenire è stato il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Nicolò Bagalini.
La polemica
«Dove sono finite le proposte di mozioni “ miracolose” riguardanti la mala movida che lo stesso Tonino Capriotti proponeva durante l’ amministrazione Piunti? chiede il consigliere Nicolò Bagalini -. Siamo pieni di articoli sulle pagine locali riguardanti stupri, risse, rapine con armi bianche, spaccio di droga, atti vandalici che per un niente non sono degenerati in tragedia (vedi incendio accaduto qualche settimana fa tra via Laberinto e via San Gallo), piazze, strade, vie usate come “urinatoi” a cielo aperto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA