Otto colpi in dieci giorni, tanti danni e bottini magri. Continua la caccia ai due ladri vandali

Martedì 25 Maggio 2021 di Emidio Lattanzi
Otto colpi in dieci giorni, tanti danni e bottini magri. Continua la caccia ai due ladri vandali

SAN BENEDETTO  - Una persona, al massimo due. Probabilmente stranieri. È l’identikit di chi ha messo a segno l’incredibile serie di furti in Riviera. Almeno otto colpi nel giro di una decina di giorni con l’apoteosi raggiunta nella notte tra sabato e domenica in seguito ai colpi a due chalet e ad un fioraio di San Benedetto, due zone distanti tra loro collegate dalla scia di sangue lasciata da uno dei malviventi che si è ferito frantumando la vetrata dello chalet Camiscioni. 

 


Otto colpi tutti caratterizzati da alcuni denominatori comuni: la spregiudicatezza mostrata nelle effrazioni e i magri bottini che descrivono come il ladro (o i ladri) sia qualcuno che non ha probabilmente nulla da perdere ma che non riesce neppure a pianificare un colpo. Perché chiunque ci sia dietro quei colpi sembra scegliere alla cieca i propri bersagli. Scegliendo forse le attività da colpire in base al tipo accessi da forzare ma senza curarsi minimamente di quello che effettivamente potrà trovare all’interno dell’attività.

La conferma arriva proprio dal colpo messo a segno allo chalet Camiscioni. Sarebbe bastato poco per sapere che lo stabilimento balneare non aveva ancora aperto e che, di conseguenza, era praticamente impossibile trovare anche soltanto un euro nelle casse. E stupisce che malgrado tutta questa maldestra improvvisazione il ladro sia riuscito a commettere tutti quei furti facendola franca. Aveva già colpito, infatti, una decina di giorni fa in due chalet di Grottammare, uno sul lungomare Sud e l’altro nella parte settentrionale. Poi l’elenco ha iniziato ad allungarsi. Successivamente era stato colpito un altro chalet, il Grecale in piazza Kursaal. Qualcuno era infatti penetrato all’interno dello chalet entrando (come era avvenuto al Tropical ventiquattro ore prima) attraverso una piccola finestra con l’apertura a bocca di leone. Una volta dentro il malvivente (o i malviventi) hanno creato danni e si sono portati via il cassetto della cassa malgrado i titolari, proprio per evitare danni, avessero lasciato le chiavi attaccate. Dentro c’erano pochi soldi, un fondo cassa. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. 


C’è invece la polizia al lavoro su altri due colpi fotocopia messi a segno, più o meno negli stessi giorni, ai danni di due pasticcerie. La prima ad essere visitata è stata la pasticceria Delizia che si trova all’angolo tra via Zuccoli e via D’Annunzio, nel quartiere di San Filippo Neri. Stessa dinamica: sono entrati (una persona è stata ripresa dalle telecamere esterne) ed hanno preso il fondo cassa per circa duecento euro facendo danni. L’altro colpo è stato invece messo a segno alla pasticceria “L’Angolo del Dolce” di via Golgicon un bottino di appena una ventina di euro ma con danni per oltre 1.500 euro. Su tutti questi episodi criminali indagano le forze dell’ordine.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA