Centra sei auto e aggredisce i carabinieri: aveva già la patente sospesa per alcol e omissione di soccorso

Martedì 14 Gennaio 2020
San Benedetto, centra sei auto e aggredisce i carabinieri: aveva già la patente sospesa per alcol e omissione di soccorso

SAN BENEDETTO - Non solo ubriaco, ma anche con la patente sospesa. Non poteva essere al volante, nella notte tra sabato e domenica, l’albanese di trentadue anni arrestato, non senza difficoltà, dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile. L’uomo non è infatti nuovo ad episodi come quelli andati in scena nella centralissima via Palestro dove, dopo aver centrato con la propria auto, sei veicoli in sosta, ha aggredito i carabinieri arrivati sul posto. Si tratta infatti della stessa persona che a luglio 2018 era stato protagonista di un incidente avvenuto sul lungomare di Grottammare.

LEGGI ANCHE:
Teme ritorsioni per la sua famiglia, interprete nigeriano chiede protezione. L'imputato conosce Oseghale

Sbanda e si schianta contro un albero con il furgone del Comune: un uomo all'ospedale

tando a quello che, all’epoca, ricostruirono i carabinieri, il trentaduenne era al volante di una Multipla che aveva investito un turista di Reggio Emilia per poi continuare la sua corsa senza fermarsi prestare soccorso al ferito e a sincerarsi delle sue condizioni. Il pirata della strada era quindi già stato denunciato per guida in stato d‘ebbrezza alcolica, per omissione di soccorso e fuga dopo l’incidente. Di qui il ritiro di patente per 30 mesi e il sequestro dell’auto. Ma quella lezione, evidentemente, non gli era servita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA