Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Quattro primi di pesce 280 euro, stupore e polemiche allo chalet di San Benedetto

Quattro primi di pesce 280 euro: «Ma è lo Chalet di Briatore?»
Quattro primi di pesce 280 euro: «Ma è lo Chalet di Briatore?»
1 Minuto di Lettura
Martedì 12 Luglio 2022, 11:14 - Ultimo aggiornamento: 13 Luglio, 10:11

SAN BENEDETTO - "Ma che Briatore è arrivato pure da noi?" si chiede ironicamente Giorgio Tordini, su Facebook, dopo un conto da 508 euro per una cena di pesce da 4 persone in uno chalet (volutamente non nominato) di San Benedetto.

LEGGI ANCHE:

Quattro primi di pesce 280 euro, il ristoratore: «Sono "magnose", crostacei rari e costosi»

"Le 4 linguine "Plà Plà" (le cicale di mare ndr), mezzo crostaceo in ogni piatto, quindi 2 in tutto - spiega Tordini - sono costate DUECENTOTTANTA EURO, cioè 70 euro cadauna, contro un massimo documentato dal menù di 35 euro delle stesse linguine ma con i più pregiati astici o aragoste". "Gli "Plà Plà" - insiste Tordini - dicono i "pesciaroli amici", vengono dal Marocco, dalla Tunisia, sono di allevamento e costano 18/20 euro al kg (forse qualcosa di più per via della guerra)".
"Delusione - si chiude il post - amarezza, rabbia, digestione bloccata e rimorso per non "averla buttata in caciara" con carabinieri, finanza e disobbedienza civile". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA