San Benedetto, il cantiere resterà chiuso, per il nuovo lungomare bisognerà attendere. Il Comune si scontra con la ditta

San Benedetto, il cantiere resterà chiuso, per il nuovo lungomare bisognerà attendere. Il Comune si scontra con la ditta
San Benedetto, il cantiere resterà chiuso, per il nuovo lungomare bisognerà attendere. Il Comune si scontra con la ditta
di Alessandra Clementi
3 Minuti di Lettura
Martedì 20 Settembre 2022, 02:50

SAN BENEDETTO - A ottobre niente lavori sul lungomare. Slitta la riapertura dei cantieri per la riqualificazione del tratto fino al Las Vegas. È intenzione dell’amministrazione cambiare impresa e quindi indire un nuovo bando, operazione che farebbe slittare i tempi per terminare il restyling.  

Gli ombrelloni ormai riposti in cabina e gli chalet che spengono le luci. Tutto questo avrebbe dovuto lasciare il posto al cantiere per i lavori sul lungomare, destinati a riprendere le operazioni dall’ex Camping fino al Las Vegas realizzando così l’ultimo tratto rimasto. Ma l’amministrazione da tempo aveva espresso la volontà di cambiare la ditta che aveva vinto l’appalto per i lavori. Alla base di questa decisione soprattutto la qualità degli interventi realizzati nel tratto centrale e l’aumento del costo delle materie prime. In questi giorni l’ufficio lavori pubblici sta valutando attentamente la situazione che è abbastanza delicata in quanto il rischio è quello di ricorsi da parte dell’impresa, risarcimento danni, quindi si procederà in punta di piedi come spiega la dirigente Annalisa Sinatra. Uffici che stanno elaborando le contestazioni alla ditta, sottolineando eventuali difetti nella realizzazione del primo tratto e sulla valutazione dei costi dell’opera. 

L'appalto del 2019
 

L’appalto del lungomare era stato assegnato nel 2019, in una situazione pre Covid, e con i prezzi di mercato completamente diversi da quelli attuali. Un fatto è certo che, alla luce degli aumenti registrati nell’ultimo anno, con la cifra impegnata di 2milioni di euro, per il tratto finale fino al Las Vegas e quindi fino a via Tedeschi, sarà difficile terminare tutti i lavori ma alcuni tratti rimarranno scoperti se non verranno rifinanziati. Un problema che il Comune sta incontrando in diversi appalti, ma se in quello della piscina si è trovato un accordo e comunque i lavori stanno procedendo senza problemi, diversa la situazione del lungomare dove a questo inasprimento dei prezzi si è aggiunta anche la qualità dei lavori svolti finora, secondo il Comune, non entusiasmante. Un nuovo bando richiederebbe diverse settimane e la ripresa dei lavori rischierebbe di slittare di alcuni mesi. 

L'area ex Camping
 

Al cantiere da portare avanti si accompagna il desiderio, da parte dell’amministrazione, di ripensare l’intero progetto per l’area ex Camping. Alcuni privati si erano fatti avanti per sistemare la zona con nuovi giochi e percorsi fitness, ma sarebbe intenzione della maggioranza un intervento più importante indicendo un concorso di idee, coordinato dagli uffici comunali, proprio per assegnare un nuovo volto a quest’area che rappresenta il cuore del lungomare, magari rimuovendo i due manufatti attualmente presenti. 

Il sindaco Spazzafumo intenderebbe rivedere anche il progetto di riqualificazione del lungomare ma conosce i paletti imposti dalla Soprintendenza e lo spazio di manovra sarebbe minimo per un elaborato diverso, trattandosi del tratto più storico dove ci si deve attenere al disegno originale di Onorati senza poter stravolgere l’immagine, diversamente da quanto realizzato presso il tratto sud di Porto d’Ascoli dove si è potuto realizzare i cosiddetti giardini tematici

© RIPRODUZIONE RISERVATA