Assembramenti e movida choc con filmati e foto, multati cinque locali del centro

Lunedì 22 Febbraio 2021
Assembramenti e movida choc con filmati e foto, multati cinque locali del centro

SAN BENEDETTO - Ennesimo pomeriggio di eccessi lungo la Riviera delle Palme. Per le strade del centro e sul lungomare di San Benedetto sono infatti andate nuovamente in scena i soliti deprecabili episodi. Nel pomeriggio di sabato c’era una vera e propria folla in Riviera, come se ci si trovasse anni luce lontani dall’attuale emergenza legata alla pandemia. Tabnte gente al corso, tra viale Buozzi e viale Secondo Moretti.

LEGGI ANCHE

Acquaroli chiude i confini per alto rischio covid, 20 Comuni diventano arancioni. Ordinanza in vigore da mezzanotte. Ecco quali sono

Screening con i test antigenici, Crisanti critica la Regione: «Così l'impatto è quasi zero»

 

 

Solite situazioni in via Pasqualetti, la strada che corre a ridosso della pineta tra la linea ferroviaria e lo stesso viale Buozzi con ragazzini assiepati sulle panchine, a ridosso della struttura che ospita i bagni pubblici e all’ombra degli alberi delle due pinete. Ma anche a ridosso dei locali e sul lungomare, in particolar modo nel tratto sud e nei primi metri a ridosso del ponte sull’Albula dove si sono riversate centinaia di persone.


Una situazione che ha spinto gli agenti della polizia locale ad effettuare dei controlli per verificare il rispetto delle normative anti covid relativamente lo stop dell’ingresso al pubblico nei bar e nei locali dopo le 18. Verifiche sollecitate dal sindaco che ha ricevuto diverse segnalazioni e ha per questo motivo chiesto spiegazioni agli agenti invitandoli ad intervenire e valutare se le normative anti Covid venissero effettivamente rispettate. Sono state verificate una ventina di attività e in cinque casi gli agenti hanno elevato delle contravvenzioni dal momento che all’interno dei locali in questione c’erano delle persone che stavano consumando. Ma, come detto, il pomeriggio di sabato è stato caratterizzato anche dagli assembramenti in strada, in particolar modo nelle principali vie del centro ma anche in quelle secondarie dove si sono creati dei veri e proprio imbuti di folla che hanno letteralmente chiuso le strade in questione. Strade interessate anche dalle solite scene che hanno visto auto in sosta, mura e portoni trasformarsi in orinatoi e non solo. Ci sono stati giovani che si sono addirittura messi a mangiare e bere comodamente seduti sui cofani e sui tettini delle automobili in sosta.


Situazioni documentate da filmati e fotografie scattate da passanti e residenti ma inspiegabilmente sfuggite alla polizia locale che sabato ha redarguito soltanto quei cinque locali i cui gestori dovranno pagare 400 euro ciascuno. Trasgressioni alle regole sono avvenute anche nella notte tra sabato e domenica e sono state sanzionate dai carabinieri che hanno multato alcuni automobilisti, tra San Benedetto e Grottammare, che circolavano per le strade della Riviera dopo le 22 senza avere valide motivazioni. In buona sostanza, stando a quanto appurato dai militari, erano in circolazione per puro svago, cosa vietata dalle ordinanze ministeriali e dal decreto del presidente del consiglio dei ministri che impone il coprifuoco alle 22. Dopo quanto accaduto nel weekend non è escluso che in vista del prossimo fine settimana possano essere presi provvedimenti restrittivi.

 

Ultimo aggiornamento: 08:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA