Assemblea infuocata. «Dove sono i nostri 700mila euro? Il quartiere Sentina vuole risposte»

Assemblea infuocata. «Dove sono i nostri 700mila euro? Il quartiere Sentina vuole risposte»
Assemblea infuocata. «Dove sono i nostri 700mila euro? Il quartiere Sentina vuole risposte»
di Alessandra Clementi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Aprile 2022, 09:35

SAN BENEDETTO  - «Dove sono finiti i nostri 700mila euro?». È il quesito che più di altri ha riecheggiato sabato scorso nell’assemblea del comitato di quartiere Sentina, svoltasi al parco Paola, riunitosi in vista delle prossime elezioni ma soprattutto per fare il punto sulle criticità del quartiere. 


Settecentomila euro è il corrispettivo che il Comune si era impegnato a destinare al quartiere a seguito della monetizzazione realizzata con la variante Remer, dove l’ex fabbrica ha lasciato il posto a palazzine residenziali. La ditta Saxa aveva avuto il permesso di realizzare gli 80 appartamenti, al confine con la Riserva, e in cambio aveva destinato 3milioni di euro alle casse comunali di cui 700mila per il quartiere Sentina. Cifra che a oggi ancora non se ne vede l’ombra, da qui la preoccupazione del comitato che aveva già stilato le priorità e indicato come impegnarli a cominciare dai marciapiedi.


«C’è un bisogno impellente di marciapiedi in questa zona- spiega il presidente del comitato Sentina Marco Alessandrini – a cominciare da via del Cacciatore dove mancano del tutto, così in via Martiri di Marzabotto e via Colleoni, ma a oggi non sappiamo più nulla di queste risorse». 


Non poteva mancare un punto dedicato all’ampliamento dello stadio Ciarrocchi che in questi giorni è balzato agli onori delle cronache. «Si tratta di un campo pubblico, non dimentichiamocelo- ha spiegato Alessandrini – che dovrebbe essere a disposizione della cittadinanza. Ma le due gradinate ampliate sarebbero impattanti. Siamo d’accordo su nuovi spogliatoi ma le gradinate non servono. Anche fossero solo 900 posti darebbero solo fastidio e non ci sarebbe proprio bisogno di un tale capienza. Senza dimenticare che 900 persone dove parcheggeranno? In estate c’è già un problema di soste e già gli 80 nuovi appartamenti al posto della Remer già toglieranno stalli lungo le vie a causa dei passi carrabili».


Altra nota dolente è il parcheggio da 250 posti che la ditta Saxa sarebbe pronta a realizzare presso via del Cacciatore e che vedrebbe d’accordo la stessa amministrazione comunale. Ma il comitato sottolinea come non ci sia bisogno in questa zona di nuove soste, bensì ci sarebbe necessità a ridosso di via Colleoni dove insiste la scuola. «Con il maxi parcheggio – spiega il presidente del quartiere Sentina – si andrebbero a realizzare volumi che oggi non ci sono, trattandosi di un’area verde. Tra l’altro i parcheggi gratis già erano previsti nell’intervento che dovrebbero realizzare Comune e Provincia sotto i piloni della sopraelevata». Ma il quartiere Sentina è interessato anche dalla questione varianti Areamare visto che una parte del progetto edilizio si svilupperebbe su via del Cacciatore. Anche in questo caso il comitato chiede come mai l’amministrazione non abbia provveduto ad approvare una delibera in cui si dicesse chiaramente che non sussiste beneficio pubblico in questo intervento, in modo da posare una pietra tombale su questa variante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA