San Benedetto, arrestati due latitanti clandestini per tentato omicidio

Giovedì 20 Febbraio 2020
San Benedetto, arrestati due latitanti clandestini per tentato omicidio
SAN BENEDETTO - La squadra mobile della Questura di Fermo unitamente a quella di Ascoli ha arrestato due persone per tentato omicidio e lesioni personali aggravate. Gli arresti dopo l’efferato fatto di sangue verificatosi a Torer di Palme il 31 gennaio di quest’anno allorquando uno straniero venne gravemente ferito da numerosi colpi d’arma da taglio inferti con una Katana, uno dei quali gli recideva l’arteria femorale tanto da procurargli un arresto cardiaco. Il ferito veniva poi successivamente trasportato, date le sue gravissime condizioni, presso l'ospedale regionale ad Ancona dove veniva rianimato e nella nottata sottoposto ad un delicato e lungo intervento chirurgico nel reparto di chirurgia d'urgenza. Dei tre autori della spedizione, uno era stato subito fermato, a seguito del rocambolesco inseguimento in auto avvenuto nei comuni di Grottammare e di San Benedetto del Tronto, e condotto in carcere presso il quale gli era stata notificata la misura cautelare. Questa mattina alle 7 è scattato il blitz dei poliziotti. I due latitanti  hanno tentato di  fuggire rifugiandosi sul tetto. I due arrestati sono  A.S. e A.M., rispettivamente di 44 e 30 anni, fratelli  tunisini e clandestini sul territorio nazionale.

  Ultimo aggiornamento: 16:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA