Prefabbricato per la Protezione civile donato dal Bim Adige e Trento. Il sindaco: «Aspettiamo i benefattori per inaugurarlo»

Venerdì 2 Aprile 2021 di Eduardo Parente
Il prefabbricato dono del Bim Adige e Trento donato a Castignano

CASTIGNANO - «Grazie alla comunità trentina per la donazione ricevuta». Un gesto di grande solidarietà, da parte del Bim Adige e Trento, che il sindaco di Castignano, Fabio Polini, ha voluto rendere pubblico per il valore sociale e di grande collaborazione tra enti.

 

Soprattutto nel momento del bisogno. «Si tratta della donazione alla nostra comunità di un grande prefabbricato da parte del Bim Adige e Trento - spiega il primo cittadino castignanese - in collaborazione con il Bim Tronto. Il costo dell’intera operazione è di 400mila euro. Sabato scorso è stato completato, ma l’inaugurazione della struttura verrà calendarizzata quando le restrizioni per contrastare la pandemia ancora in corso, saranno allentate: per noi, infatti, sarà un onore ricevere nella nostra comunità la visita del presidente del Bim Adige e Trento e del sindaco di Predaia». 


Il gesto
Con l’occasione il primo cittadino di Castignano ringrazia calorosamente «Donato Preti, ex presidente del consorzio Bim Adige e Trento, e l’attuale presidente, Michele Bontempelli. Inoltre, voglio ringraziare anche l’ex sindaco del Comune trentino di Predaia, Paolo Forno, e il suo successore, Giuliana Cova. Un ringraziamento particolare va anche al presidente del Bim Tronto, Luigi Contisciani, che ha fatto da tramite per questa preziosissima donazione al nostro Comune che, sulla scia dell’ultimo sisma, fa parte del cratere. Le comunità trentine hanno fatto un gesto di grande solidarietà nel momento del bisogno, donando questa struttura di grande pregio e valore che noi metteremo a disposizione della Protezione civile, delle associazioni e di chi ne avrà bisogno». 

LEGGI ANCHE

Dramma sul lungomare, si accascia e muore a 45 anni mentre va sui pattini: inutili i tentativi di rianimarlo

Truffa al telefono: il finto tecnico Sisal fa scomparire quasi 30mila euro. Il terribile risveglio della tabaccaia


La struttura
Il prefabbricato è imponente: il suo interno, infatti, è composto da un grande salone che sarà sicuramente allestito in futuro come sala convegni o ricreativa, da una cucina e da alcuni bagni. Una struttura, quindi, che sarà polifunzionale e che è stata messa a disposizione delle realtà associative di Castignano e di cui potrà goderne l’intera popolazione. 


I progetti
Ma oltre ad un significativo gesto di solidarietà, degno, sicuramente, di nota, l’amministrazione comunale del suggestivo paese dei Calanchi ha aggiornamenti anche sul fronte delle opere pubbliche. Una fra tutte è il nuovo plesso scolastico. «Si è aperto il bando della gara d’appalto - annuncia il sindaco di Castignano - per la costruzione della nuova scuola, per un importo complessivo di due milioni e duecentomila euro. Siamo, quindi, alla fine dell’iter burocratico. Le risorse da impiegare per la realizzazione del plesso unico, che prevede l’inserimento dell’asilo e delle scuole elementari, per metà arrivano dai fondi del terremoto e per l’altra metà dal Miur. La nuova struttura, antisismica e più che sicura per gli studenti, verrà realizzata di fianco alla scuola media, con l’obiettivo di creare un polo scolastico unico. Speriamo di realizzare la nuova scuola entro un anno e mezzo, massimo due» conclude Fabio Polini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA