Per il Piceno 9 milioni di euro da Mise e Regione: prorogata l'Area di crisi complessa

Per il Piceno 9 milioni di euro da Mise e Regione: prorogata l'Area di crisi complessa
Per il Piceno 9 milioni di euro da Mise e Regione: prorogata l'Area di crisi complessa
di Luca Marcolini
4 Minuti di Lettura
Domenica 17 Luglio 2022, 04:20

ASCOLI - La strada per uscire dal tunnel, da queste parti, è più lunga del previsto. A causa anche del covid. Ed ecco, allora, la decisione di prorogare l’Area di crisi complessa del Piceno e della Val Vibrata fino al 28 luglio del 2023.

Anche con la firma e l’adesione della Provincia di Ascoli per sbloccare questo slittamento in avanti di tre anni rispetto a quella che era stata inizialmente individuata come la data dello stop a finanziamenti e sostegno alle imprese del territorio ascolano e di parte di quello teramano. Dopo essere calato il silenzio, dunque, sulla fase precedente di bandi e finanziamenti, adesso Ministero per lo sviluppo economico e Regione hanno deciso di rimettersi in ballo e di liberare, per questo territorio ancora zoppicante dal punto di vista del vigore economico, risorse rimaste inutilizzate nella prima fase. Rispettivamente, Governo ed ente regionale ora mettono sul piatto circa 6 milioni e 50mila euro e 2,8 milioni. Quasi 9 milioni che serviranno per prendere sottobraccio altre potenziali nuove imprese e per sostenere anche gli investimenti aziendali più in generale, con l’obiettivo anche di creare nuova occupazione. 


La proroga

 
Attraverso il protocollo messo a punto dal Ministero per lo sviluppo economico. sottoscritto dalla Provincia di Ascoli insieme alla Regione Marche e alle analoghe istituzioni sul fronte abruzzese, si sblocca formalmente questa proroga dell’Area di crisi fino al 28 luglio 2023 (con l’aggiunta di trenta giorni per gli ulteriori adempimenti conclusivi e di controllo) che riapre la strada a nuovi bandi per ottenere un contributo forfettario, a fondo perduto, di 15mila euro per ogni impresa, oltre ad un ulteriore aiuto economico commisurato all’occupazione che si andrà a creare. Una riapertura dei termini che arriva anche dopo l’ulteriore, evidente, mazzata figlia della pandemia e che si impernia, come detto, sui circa 6 milioni di euro ministeriali recuperati dai fondi inutilizzati e sui 2,8 milioni di euro rimessi in campo dall’ente regionale proprio per il Piceno. E, dal punto di vista organizzativo, sarà riattivato un gruppo di coordinamento di controllo. 


Fondi e bandi 


Per quanto riguarda i 2,8 milioni che sono stati messi a disposizione dalla Regione Marche per il Piceno, come confermato dall’assessore con delega alle Aree di crisi, Guido Castelli, 1,3 milioni saranno utilizzati per sostenere la creazione di imprese. Nello specifico, 300mila euro saranno utilizzati per lo scorrimento della graduatoria precedente, ancora aperta. Mentre il restante milione di euro andrà a coprire le richieste relative al nuovo bando avviato dalla stessa Regione all’inizio di giugno e con 90 domande per la creazione di nuove aziende. Gli altri 1,5 milioni di euro, invece, saranno indirizzati, insieme ai 6 milioni provenienti dal Ministero, sempre per la provincia ascolana, sugli investimenti produttivi delle imprese del territorio – attraverso la creazione di bandi - per stimolare, quindi, anche la creazione di nuovi posti di lavoro. Più nello specifico, il Ministero dello sviluppo economico contribuirà al finanziamento degli investimenti finalizzati alla reindustrializzazione e alla diversificazione dell’apparato produttivo esistente sul territorio. Prende corpo, dunque, quello che possiamo definire il secondo atto di un’Area di crisi ancora in cerca di una ripartenza vera e definitiva (in particolare in certi settori), senza ulteriori sussulti e imprevedibili ostacoli lungo il cammino. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA