Bimbo marchigiano muore a 19 mesi, gli organi donati danno speranza a tre famiglie

L'ospedale di Pescara
L'ospedale di Pescara
2 Minuti di Lettura
Giovedì 22 Ottobre 2020, 17:31 - Ultimo aggiornamento: 17:40

PESCARA - Una storia drammatica e un grande gesto. Affetto da una grave patologia congenita, muore ad appena 19 mesi, ma dona gli organi e dà nuova speranza ad altri tre bambini. È la drammatica storia di un bimbo di Acquaviva Picena, morto all'ospedale di Pescara. Il piccolo, dopo un intervento chirurgico, era stato ricoverato nel reparto di Rianimazione in condizioni disperate e non si è mai ripreso. Diagnosticata la presunta morte encefalica, è scattato il  periodo di osservazione, al termine del quale è stato certificato il decesso. I familiari, con grande generosità, hanno dato l'assenso al prelievo degli organi,  avvenuto nella giornata di ieri.

LEGGI ANCHE:

Schiacciato dal camper nello scontro choc: Luca muore dopo cinque giorni di agonia. L'ultimo grande gesto, il dono degli organi


Le attività hanno coinvolto diversi reparti dell'ospedale, sotto la direzione del coordinatore aziendale trapianti, 
Rosamaria Zocaro, e con la supervisione del Centro regionale trapianti. Il fegato è andato a Roma e i reni in  vizzera. I trapianti, si apprende, sono andati a buon fine su tre bambini.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA