Partorisce per la settima volta in sala operatoria, tutti i figli nati con un parto cesareo

Domenica 22 Novembre 2020 di Cristiano Pietropaolo
I ginecologi in sala operatoria: una donna ha partorito per la settima volta con un taglio cesareo

ASCOLI - Eccezionale intervento chirurgico nella notte tra venerdì e sabato effettuato all’ospedale Mazzoni. Una donna di 34 anni, originaria di Catania, ha partorito il suo settimo figlio attraverso un settimo taglio cesareo.

LEGGI ANCHE

Covid, sono 12 i morti nelle Marche, 1.180 dall'inizio della pandemia. E aumentano i ricoveri /Il contagio in tempo reale

 

L’intervento chirurgico, molto complesso ma perfettamente riuscito, è stato eseguito dal ginecologo Marco Grassi e dalla sua équipe. La mamma e il bimbo, che pesa 2.700 kg, stanno bene.


Il racconto
«Ero nel turno che iniziava alle 8 e che terminava alle 20. Verso le 18 ho ricevuto una telefonata proveniente da un centro di Spinetoli, che mi informava che era presente una donna incinta, già all’ottavo mese e mezzo, e che aveva avuto già parti cesarei» dice il dottor Grassi. «L’abbiamo fatta trasportare in ospedale da un‘ambulanza del 118 per poi valutare l’intervento e la sua situazione. Appena arrivata, verso le 19, le abbiamo fatto il tracciato e abbiamo notato che c’erano già le contrazioni. Poi dall’anamnesi, è emerso che al quinto intervento cesareo aveva avuto una rottura d’utero: così ho dichiarato l’emergenza», spiega il dottor Grassi.


I tamponi
La mamma ha detto che nella struttura di accoglienza di Spinetoli aveva già fatto un tampone che è risultato negativo. Questo ha consentito di rendere ancora più celere l’ingresso in sala operatoria perché tutti i pazienti devono essere obbligatoriamente sottoposti al test. «Non abbiamo perso tempo e, pur avendo i kit rapidi, non abbiamo ritenuto di farne uno nuovo. In sala c’è stato un po’ di concitazione perché proprio alle 20 c’è stato il cambio del turno. L’intervento è stato preparato dagli operatori che stavano per finire e in quel momento c’erano circa 15 persone» racconta Grassi. «Credo che qui ad Ascoli non sia mai successa una cosa del genere. Non ci credevamo quando abbiamo saputo che questo sarebbe stato il settimo intervento cesareo sulla stessa persona, ma la stessa signora che ci ha confermato che ne aveva già fatto sei a Catania» aggiunge il ginecologo.


Il problema
L’unico problema si è verificato al suo quinto cesareo quando ha avuto una rottura dell’utero, con una successiva trasfusione di sangue e con un reale pericolo di vita. «Forse qualcosa andò male e lei rimase choccata» commenta Grassi. La corsa contro il tempo al Mazzoni ha avuto un epilogo felice: mamma e bambino ora stanno bene. Dice ancora il ginecologo: «Ho accelerato tutti i tempi, pensando di intervenire subito per non incappare in qualche difficoltà. Ho dichiarato l’emergenza ma poi sono stati bravi tutti quanti, dagli anestesisti al personale presente in sala». L’intervento è durato quasi un’ora. «È un caso rarissimo. Che io sappia in Italia se ne sono registrati solo altri quattro di casi simili» conclude il dottor Grassi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA