Morti sospette di anziani alla casa di riposo: l'Asur sarà citata per danni

Giovedì 17 Settembre 2020 di Luigi Miozzi
Offida, morti sospette di anziani alla casa di riposo: l'Asur sarà citata per danni

ASCOLI - L’Asur sarà citata come responsabile civile nell’incidente probatorio disposto nell’ambito dell’inchiesta su otto presunti omicidi avvenuti alla Rsa di Offida. Ieri mattina, il gip di Ascoli, Annalisa Giusti, ha accolto l’istanza che era stata presentata dall’avvocato Mauro Gionni per conto di alcuni familiari delle vittime e, pertanto ha aggiornato l’udienza al 14 ottobre per consentire allo stesso penalista ascolano di procedere alla convocazione dell’Asur

LEGGI ANCHE:
Primo studente positivo al Covid, è stato due giorni in classe. Parroco contagiato: tamponi di massa ai fedeli

Martellate alla moglie in pieno lockdown: patteggia 5 anni per tentato omicidio, ma non ha un casa per i domiciliari

L’avvocato Gionni aveva motivato la sua richiesta evidenziando che l’Area vasta 5, e quindi l’Asur, doveva essere chiamata a partecipare all’incidente probatorio in qualità di responsabile civile essendo la proprietaria della residenza sanitaria e il datore di lavore di Leopoldo Wick, l’infermiere indagato per l’omicidio di otto ospiti della casa di riposo e del tentato omicidio di altri quattro. 
 
Per l’avvocato dei parenti delle vittime, inoltre, la citazione del responsabile civile nell’incidente probatorio era da ritenersi necessaria per evitare che vengano raccolti eventuali elementi probatori nel corso delle operazioni peritali che l’Asur, ritenendole pregiudizievoli alla sua difesa, nel corso del processo, potrebbe chiederne l’esclusione in quanto raccolte in assenza del responsabile civile. La mancata partecipazione dell’Asur, poi, avrebbe potuto avere delle conseguenze per le parti civili che in sede di processo penale sarebbero state private della garanzia di un eventuale risarcimento. 
Motivazioni che evidentemente hanno convinto il giudice per le indagini preliminari che, a quel punto, ha aggiornato l’udienza al prossimo mese. In quella occasione verrà affidato l’incarico ai consulenti tecnici d’ufficio a Emanuela Turillazzi, docente di medicina legale all’università di Foggia, e al professor Silvio Chiericoni, ordinario di tossicologia forense all’ateneo di Pisa. Contestualmente, anche i difensori di Leopoldo Wick - gli avvocati ascolani Tommaso Pietropaolo e Luca Filipponi - nomineranno i propri consulenti di parte: si tratta di Sabrina Strano Rossi, professore associato di tossicologia forense all’università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e del medico legale Leonardo Grimaldi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA