Anziani morti alla Rsa, la difesa chiede la scarcerazione dell'infermiere accusato di otto omicidi

Mercoledì 1 Luglio 2020 di Luigi Miozzi
Offida, anziani morti alla Rsa, la difesa chiede la scarcerazione dell'infermiere accusato di otto omicidi

OFFIDA - Si terrà martedì 7 luglio, l’udienza davanti ai giudici del tribunale della libertà di Ancona del ricorso presentato dai difensori di Leopoldo Wick, gli avvocati Tommaso Pietropaolo e Luca Filipponi, per chiedere la scarcerazione dell’infermiere accusato di aver ucciso otto anziani ospiti della Rsa di Offida e del tentato omicidio di altri quattro.

LEGGI ANCHE:
Porta il suo rottweiler a spasso, ma l'animale l'attacca e lo azzanna al volto: trentenne sfigurato

Malore durante la passeggiata: lo storico parrucchiere Germano muore a 52 anni

Per i penalisti ascolani che hanno chiesto il riesame del provvedimento emesso dal gip di Ascoli Annalisa Giusti, non sussistono i requisiti che giustifichino la custodia cautelare in carcere.
 
Nelle pagine del ricorso, gli avvocati Pietropaolo e Filipponi hanno spiegato che non c’è il pericolo di fuga in quanto Leopoldo Wick è stato iscritto sul registro degli indagati a febbraio del 2019 e pertanto dopo oltre un anno non avrebbe più alcun motivo per fuggire. Non c’è neppure il pericolo di inquinamento delle prove, tenuto conto che la Procura ha già acquisito in sede di indagine tutti gli indizi su cui si basa il castello accusatorio degli inquirenti e che la difesa intende corrodere nelle aule di giustizia. Ancor meno c’è la possibilità che Leopoldo Wick possa reiterare il reato. Contestata anche la decisione del giudice per le indagini preliminari di non ricorrere al braccialetto elettronico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA