Il raccoglitore abusivo di tartufi recinta anche l'area: multa a tre zeri dai Forestali

Giovedì 21 Novembre 2019

MONTEMONACO  - I carabinieri forestali di Comunanza  sono riusciti a scoprire un raccoglitore di tartufi che si era riservato, illegalmente la ricerca e raccolta del prezioso tartufo bianco pregiato, disattendendo inoltre le prescrizioni e raccomandazioni impartite con autorizzazione dell’Unione Montana dei Sibillini di Comunanza.  La scoperta è stata fatta in agro di Montemonaco  in zona vocata per la produzione naturale del tartufo bianco pregiato.

LEGGI ANCHE:
Una giostra elettrica con uccelli finti per attirare le prede: tre cacciatori denunciati

Due cavalli liberi trovati in strada a San Silvestro: multato il proprietario

Di fondamentale importanza è stata la segnalazione di un ricercatore di tartufi che si è visto precludere la possibilità di effettuare la ricerca libera su un’area di circa 1000 mq particolarmente vocata per produzione naturale del pregiato tubero, che è stata in breve tempo recintata e tabellata illegalmente. Il trasgressore è stato sanzionato per migliaia di euro. La cerca del Tuber Magnatum Pico è consentita nel territorio della Regione Marche dall’ultima domenica di settembre fino al 31 gennaio. In questo periodo il prezzo del tartufo bianco è volato a 375 euro all'etto, con un aumento del 50% rispetto alle quotazioni di inizio ottobre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA