Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lifting per la scuola media Leopardi: l’investimento è di 3,6 milioni. Ecco il piano del sindaco Piergallini

Lifting per la scuola media Leopardi: l investimento è di 3,6 milioni. Ecco il piano del sindaco Piergallini
Lifting per la scuola media Leopardi: l’investimento è di 3,6 milioni. Ecco il piano del sindaco Piergallini
di Luigina Pezzoli
3 Minuti di Lettura
Martedì 11 Gennaio 2022, 10:00

GROTTAMMARE  - La scuola media Leopardi si rinnova. Un progetto ambizioso del valore di 3milioni e 600mila euro che trasformerà l’edificio di via Toscanini in una struttura in grado di rispondere alle nuove esigenze. 


«Un progetto di messa a norma e ampliamento, approvato qualche giorno fa – spiega il sindaco Enrico Piergallini – che punta l’attenzione sulla scuola di via Toscanini. Un’opera per la quale intercetteremo fondi, a breve termine, tramite graduatoria regionale e poi tramite Pnrr. Le scuole cittadine, dunque, sono al centro della richiesta di queste risorse». Un progetto modulare a medio periodo di rifacimento complessivo della scuola, il primo stralcio potrà essere messo in campo al più presto.

«Un progetto articolato in tre stralci funzionali – precisa Liliana Ruffini responsabile Lavori pubblici - ovvero che possono essere realizzati autonomamente l’uno dall’altro: il primo riguarda la messa a norma sisma, con un valore di 1milione e 400mila euro compatibile con la richiesta di finanziamento fatta alla Regione Marche sulle graduatorie per l’edilizia scolastica. Gli altri riguardano ampliamenti e miglioramenti funzionali». Francesco D’Ercoli, professionista di Grottammare incaricato a redigere il progetto spiega: «si tratta di una struttura costruita negli anni Sessanta con criteri dimensionali di quegli anni, quindi non in linea con le successive indicazioni. Pur essendo una struttura utilizzabile senza particolari problemi di funzionalità, tuttavia l’edificio ha bisogno di guardare al futuro. La filosofia progettuale odierna è riprendere edifici datati di buona fattura per allungargli la vita: è questo che ci richiede l’ambiente».

Nel dettaglio sono progettati interventi di adeguamento sismico, adeguamento funzionale e impiantistico, ampliamento degli spazi didattici ed efficientamento energetico. In particolare l’ingresso centrale viene ampliato, creando un atrio che collega in linea retta i due accessi frontali. La distribuzione verticale è affidata alle due nuove scale interne fronteggianti; quella a sinistra dell’ingresso principale è ricavata dal vano murario esistente mentre quella a destra è ricavata da una ampliamento volumetrico. Attualmente l’edificio scolastico accoglie quattro sezioni di scuola media, per un totale di 12 classi. Si tratta di un’opera importante che si aggiunge a quella che sta interessando l’edificio della scuola Speranza, ormai in via di conclusione.


«La realizzazione di queste opere – afferma la consigliera alle politiche scolastiche Cristina Baldoni - rende concreta la sfida grande della politica: liberare energie e promuovere opportunità, attivare processi di crescita, investire nelle nuove generazioni e restituire ai giovani il gusto del futuro. Se ci proiettiamo in questo miglioramento, non possiamo non pensare alle future generazioni, all’eredità che stiamo approntando, alla possibilità di colmare il vuoto che la pandemia sta lasciando. Ringrazio coloro che si sono spesi ».

© RIPRODUZIONE RISERVATA