Casa di Alice, blitz in ospedale
perquisito l'ufficio di una dirigente

Casa di Alice, blitz in ospedale perquisito l'ufficio di una dirigente
1 Minuto di Lettura
Giovedì 24 Luglio 2014, 19:40 - Ultimo aggiornamento: 26 Luglio, 17:29

GROTTAMMARE - Ieri mattina i carabinieri di San Benedetto hanno effettuato una perquisizione all’ospedale di Ascoli nell’ambito dell’inchiesta sul centro Casa di Alice. Nel mirino una dirigente preposta ai controlli sul funzionamento della centro per i bambini autistici che ha portato all’arresto di cinque educatori. Gli inquirenti avrebbero acquisto alcuni documenti ora al vaglio della procura. Non è escluso che nelle prossime ore si effettuino altre perquisizioni per incrociare dati ed effettuare verifiche sulla base delle dichiarazioni ricevute dalle tante persone che sono state interrogate nel corso di questa delicata indagine. Nel mirino restano gli enti preposti ai controlli e cioè Comune, Ambito sociale 21, Asur e la cooperativa che gestiva il centro. L’attenzione ora sembra concentrarsi molto anche sulla famosa stanza azzurra, così brutalmente rappresentata dai filmati dei carabinieri con i ragazzi che venivano rinchiusi al suo interno e, secondo l’accusa, qui lasciati per ore in condizioni di estremo disagio. La procura sembra puntare su questo aspetto ma anche sul fatto che ritiene la stanza di contenimento del tutto fuori legge.

Leggi Corriere Adriatico per tre mesi a soli 9.99€ - Clicca qui per la PROMO

© RIPRODUZIONE RISERVATA