Buoni spesa, la distribuzione è iniziata: sono state 313 le domande accolte

Sabato 18 Dicembre 2021 di Luigina Pezzoli
Buoni spesa, la distribuzione è iniziata: sono state 313 le domande accolte

GROTTAMMARE  - Buoni alimentari, da ieri è partita la distribuzione alle famiglie beneficiare di Grottammare. L’85% dei fruitori è composto da giovani famiglie, in particolare su 335 domande pervenute ne sono state accolte 313 a seguito dell’istruttoria condotta dagli uffici comunali. 

 

 
Il valore Il valore medio dei buoni per famiglia, media ponderata, è di 240 euro, all’interno di un valore minimo di 50 e massimo di 400 euro. Il valore complessivo dei buoni da erogare è di 80mila euro, finanziati con risorse del Governo pari a 97mila utilizzati anche per altri tipi di sussidi alle famiglie. 

La distribuzione dei buoni spesa alimentare rientra nell’ambito delle politiche di sostegno alle famiglie in disagio economico causa pandemia. Per il Comune di Grottammare si tratta del terzo avviso emesso dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Dall’inizio della pandemia ad oggi il Comune ha erogato 450.635,15 euro. 

«Siamo vicini alle famiglie e lo saremo anche nei prossimi mesi con altri tipi di sussidio - ha detto l’assessore Monica Pomili - a breve, interverremo anche sulla spesa dei servizi di mensa scolastica e sulle rette degli asili nido. Ringrazio il personale dei servizi sociali per il lavoro svolto con accuratezza e professionalità». È emerso, infatti, che dei 313 beneficiari, 29 (9,7%) risulta senza reddito e circa la metà di questi anche senza nessuna forma di sussidio; 2 sono senza tetto; 264 (85%) sono giovani famiglie. Il ritiro dei buoni può essere fatto in orario di ufficio dalle 9 alle 13 dal lunedì al venerdì; martedì e giovedì anche dalle 15.30 alle 17.30, anche tramite delega da presentare all’addetto della consegna, il modulo è scaricabile on line. Tutte le informazioni necessarie sono pubblicate sul sito istituzionale dell’ente. I buoni spesa sono un aiuto straordinario introdotto dal Governo per far fronte al periodo di emergenza sanitaria.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA