La Balconata può riaprire, ecco perché era stato necessario il divieto di transito durante tutto l'inverno e cosa impedirà nuovi guai

Sabato 28 Maggio 2022 di Luigina Pezzoli
La Balconata sul mare

GROTTAMMARE - Effettuati i lavori di manutenzione dell’arenile antistante la Balconata sul mare. Via le transenne, l’area è di nuovo fruibile al pubblico. Il divieto era scattato lo scorso inverno dopo che le violente mareggiate avevano spazzato via la scarpata in breccia realizzata alcuni mesi prima.


La progressione
«Nei giorni scorsi – spiega il consigliere delegato alle Manutenzioni del Comune di Grottammare, Bruno Talamonti - grazie al lavoro svolto dagli operai, è stato riportato il materiale di risoluta, coprendo così la voragine che si era venuta a creare l’inverno scorso con le violenti mareggiate».

 

In particolare a causa delle forti onde che si erano abbattute in questo tratto della costa, tra i mesi di novembre e dicembre, buona parte del terreno in prato si era smottato, lasciando scoperta anche una tubazione dell’impianto di irrigazione. Proprio per questo motivo il sindaco Enrico Piergallini aveva disposto di interdire l’accesso fino, appunto, a nuova disposizione, collocando degli appositi presidi. Per far fronte a questa situazione il Comune di Grottammare aveva richiesto un finanziamento alla Regione Marche per ottenere dei fondi volti alla realizzazione di una parte della scogliera emersa a nord della foce del fiume Tesino. Finanziamento poi accettato, lo stesso assessore regionale Stefano Aguzzi ha comunicato l’assegnazione di un contributo di 321mila euro per la realizzazione di una nuova scogliera emersa a nord della foce del Tesino. «Auspichiamo che con la ricostruzione della nuova scogliera, finanziata per gran parte della Regione Marche e i cui lavori inizieranno i primi mesi dell’anno prossimo, non si verifichino più questi smottamenti – precisa Talamonti - L’opera vedrà la compartecipazione del Comune di Grottammare con una somma di circa 90 mila euro». E proprio in merito allo stanziamento della Regione Marche Piergallini sottolinea come «Non posso che ringraziare di cuore l’assessore Stefano Aguzzi e tutta la Regione Marche per aver finanziato quest’opera indispensabile di difesa della costa, dando ad essa l’importanza che merita. 
Gli interventi
«In questi anni, infatti - chiude - , siamo stati costretti ad intervenire costantemente per limitare i danni delle mareggiate e investire oltre 300mila euro utilizzando le risorse provenienti dalla Protezione civile regionale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA