Gli alunni guardano all'Europa; nel Piceno arrivano i ragazzi di Polonia e Portogallo e si parla anche di legalità

Il gemellaggio con gli alunni di Polonia e Portogallo
Il gemellaggio con gli alunni di Polonia e Portogallo
3 Minuti di Lettura
Sabato 4 Giugno 2022, 09:00

FOLIGNANO - La scuola di Folignano apre le sue porte all’Europa e al mondo e si distingue per l’ennesima volta tra le migliori in tutto il territorio. È stata una intensa settimana che ha visto gli alunni folignanesi a stretto contatto con i loro coetanei di altre nazioni. Alcuni studenti e i loro insegnanti, provenienti da Portogallo e Polonia, sono stati accolti dalle classi e dai docenti dell’Isc Folignano-Maltignano, guidati dal dirigente scolastico Daniele Marini. La visita delle due delegazioni fa parte del programma Erasmus+.

A salutarli anche l’amministrazione comunale con il sindaco Matteo Terrani e gli assessori Brunella Casini e Serena Accorsi. «Contenti ed orgogliosi di avervi qui. Scambi culturali simili sono molto importanti, ancora di più oggi, alla luce di quanto sta accadendo non troppo lontano dai nostri confini. È fondamentale incentivare queste occasioni di confronto per costruire una Europa di pace» ha dichiarato il primo cittadino di Folignano, rivolgendosi ai ragazzi. Le due delegazioni si sono fermate qui per qualche giorno. 

Ieri nuova mattinata con tanti appuntamenti nel plesso di Villa Pigna: prima con l’inaugurazione della “Materioteca”, poi con quella del murale dedicato a Licini, realizzato dagli studenti di Folignano insieme ai loro compagni portoghesi e polacchi, sotto la sapiente guida dell’artista Barbara Tomassini. 

Ma i giovani folignanesi non si fermano qui. Sempre ieri è andato in scena al Palafolli lo spettacolo finale delle classi delle medie impegnate nel progetto MeTe, mentre stamattina a partire dalle ore 10, sarà svelato il murale “Legalità”, ideato e realizzato dagli studenti e dagli insegnanti dell’Isc Folignano-Maltignano con la collaborazione della Tomassini, in occasione del trentesimo anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio, per onorare tutte le vittime di mafia che hanno segnato la storia italiana. Il dipinto, posto sulla parete esterna della scuola, nei pressi dell’ingresso, rappresenta l’immagine ormai divenuta simbolo dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. «Ciò che davvero distingue questo istituto dagli altri è la professionalità dei docenti – dichiara l’assessore all’istruzione, Brunella Casini -. C’è grande soddisfazione: la scuola secondaria di Folignano è un vero vanto, tra le migliori in tutto il nostro territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA