Applausi scroscianti e trionfo di pubblico per Rattattù: sette repliche tutte da ricordare

Giovedì 23 Settembre 2021 di Sandro Benigni
Applausi scroscianti e trionfo di pubblico per Rattattù: sette repliche tutte da ricordare

CUPRA MARITTIMA  - Trionfo di pubblico e applausi per “Rattattù” a “MarcheStorie”. Ben sette repliche in quattro giorni de “La Castellana di Marano: storia di amore e magia”, l’ultima produzione della compagnia teatrale di Luca Vagnoni, tutte sold out, hanno proiettato il pubblico in un’atmosfera magica, il vecchio incasato di Marano, a Cupra Marittima.

 

Bravissimi gli interpreti: Anna Bruti, Edoardo Spaccasassi, Clarita Baldoni, Marcello Rosati, Lorenzo Angelici, Gaia Dellisanti, Nicola Montefiori, Loris Armandini, Francesco Santori, Simonetta Olivieri, Manuela Ficcadenti, Alice Armandini, Simona Cellini e Aurora Amadio. Dietro le quinte, prezioso è stato l’apporto di Giulia Caucci (aiuto regia), Simone Agostini (audio e luci), Chiara Andrenacci (trucco di scena), Alessia Rivosecchi, Emmanuel Pagani e dello Iat di Cupra Marittima. Quest’ultimo spettacolo, basato sulle fiabe dello scrittore cuprense Antonio De Signoribus, è stato scritto e diretto dal regista e attore Luca Vagnoni. «Gli artisti e tutti coloro che lavorano nel mondo dello spettacolo più in generale – ha detto - sono stati tra le categorie più penalizzate dalla pandemia e tornare dopo molto tempo in scena davanti ad un platea ogni volta diversa e numerosa, è stato ossigeno puro».

La rappresentazione è stata inserita all’interno del festival “MarcheStorie”, promosso dalla Regione Marche, da Amat, Fondazione Marche Cultura, grazie alla collaborazione tra Rattattù, Antonio De Signoribus e il Comune di Cupra Marittima. “Rattattù” è già al lavoro per i prossimi progetti. Prima di tutto, il debutto con la commedia musicale “Il club delle ex-mogli” che vedrà impegnati gli attori e le attrici della compagnia adulti e il via ufficiale ai lavori per il musical “L’incantesimo del lago”, che debutterà nel 2022.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA