Covid, un’altra vittima nel Piceno. Corsa alle vaccinazioni, a San Benedetto prosegue lo screening

Lunedì 4 Gennaio 2021 di Emidio Lattanzi
Le persone in fila per lo screening a San Benedetto

ASCOLI - Il Covid continua a mietere vittime nel Piceno. Nelle ultime ore è infatti deceduto Pasquale Lolli, di Roccafluvione, che da tempo lottava contro la malattia. Ne ha dato notizia, ieri, il sindaco della cittadina Francesco Leoni.

Tamponi giornalieri e contagiati

 

 

LEGGI ANCHE

Veglia funebre per un'anziana: scoppia focolaio di 76 positivi. E non è il solo nel paese

Dpcm, il Governo verso una stretta nazionale fino al 15 gennaio: zona arancione, spostamenti e ospiti in casa. Coprifuoco alle ore 20

 

Il cordoglio
«Vogliamo porgere alla famiglia - ha scritto in un messaggio sui social network - le condoglianze dell’amministrazione comunale e di tutta Roccafluvione. L’evento luttuoso ci impone però di riflettere sul fatto che la pandemia colpisce pesantemente anche chi non ha un’età molto avanzata. L’invito a tutti, giovani e meno giovani, è quello di tenere ancora alta la guardia e rispettare le regole che ci vengono comunicate dalle autorità sanitarie. Nei prossimi mesi gradualmente tutti verremo chiamati per essere vaccinati. Dobbiamo fidarci della scienza e vaccinarci; oltre ad essere un diritto dobbiamo sentirlo anche come un dovere verso gli altri».


I vaccini
Proprio i vaccini hanno accompagnato le ultime 48 ore nel Piceno. Sono state 120 le dosi somministrate ai sanitari del Mazzoni di Ascoli e del Madonna del Soccorso di San Benedetto nelle giornate di sabato e domenica. Somministrazioni che proseguiranno anche nei prossimi giorni con le fiale che sono custodite all’interno dei frigoriferi della farmacia dell’ospedale sambenedettese. E a proposito di ospedali sono attualmente 46 i pazienti positivi al Covid ricoverati nei due ospedali del Piceno. La maggior parte si trova in Riviera.


I ricoveri
Al Madonna del Soccorso ci sono trentotto persone, otto delle quali in terapia intensiva e altri nove in semi intensiva nel reparto di Medicina di Urgenza. Otto sono invece ad Ascoli, quattro in semi intensiva e gli altri quattro nel reparto di malattie infettive esterno alla struttura del Mazzoni. Sono invece diciannove i pazienti Covid che si trovano nella Residenza Sanitaria di Ripatransone convertita il mese scorso in centro Covid. I casi attualmente in isolamento domiciliare nel territorio provinciale sono, con l’aggiornamento di ieri del servizio sanità, 1205. Di questi 277 sono sintomatici mentre i nuovi casi positivi registrati in provincia nelle ultime ventiquattro ore sono ventinove.


Lo screening
Nella giornata di oggi dovrebbero inoltre arrivare i risultati dei diciassette tamponi molecolari eseguiti sugli altrettanti casi positivi rilevati nella prima giornata di screening di massa a San Benedetto. Quei tamponi sono chiamati a dare conferma, con una maggiore attendibilità, della positività di quelle persone, completamente asintomatiche, che ora si trovano in isolamento e che attendono l’esito dell’esame. Anche ieri è stata una giornata di particolare affluenza sia al Palazzetto dello Sport che nella hall del Palariviera dove si sono recati numerosi sambenedettesi. Il numero di ieri ha addirittura superato quello di sabato. Il numero ha infatti raggiunto quota 3103 (2074 al Palasport e 1029 al Palariviera). In tutto sono stati riscontrati undici casi positivi che dovranno ora sottoporsi al tampone molecolare di conferma. In questi primi due giorni le persone esaminate a San Benedetto superano abbondantemente quota seimila.

© RIPRODUZIONE RISERVATA