Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Boom di contagi in Riviera, il professor Todini: «Numeri spinti in alto da no vax e movida»

Boom di contagi in Riviera, il professor Todini: «Numeri spinti in alto da no vax e movida»
Boom di contagi in Riviera, il professor Todini: «Numeri spinti in alto da no vax e movida»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Novembre 2021, 10:24

Dottor Giorgio Tordini, lei è stato a lungo anestesista, e ora divulga sui social l’importanza dei vaccini. Perché a San Benedetto la situazione è più critica che ad Ascoli?
«È una questione di stile di vita a mio avviso. San Benedetto ha numerosi locali pubblici dove la presenza di persone, soprattutto giovani e all’interno di spazi chiusi, è molto prolungata e i contatti sono frequenti».

Scuola, nelle Marche torna l'ipotesi della Dad: troppi positivi. L'allarme dei presidi. Summit tra Ufficio scolastico, Asur e dirigenti

Stiamo parlando del fenomeno della cosiddetta movida?

«Basta andare la sera nella zona del centro cittadino. Sono tanti gli esercizi commerciali dove non esiste il distanziamento, sia all’interno sia all’esterno. E poi la popolazione è più giovane e quindi statisticamente la meno vaccinata. Ne consegue che molti ragazzi, asintomatici o con pochi sintomi, si passano il Covid e fanno così aumentare il numero dei contagi».

Ascoli quindi è più protetta? 
«Ci sono più anziani che si sono protetti, la vita è più slow e gli spazi sono più larghi».

Hanno contato le manifestazioni no vax?
«Sì, a San Benedetto ce ne sono state diverse e qui molti si sono presentati senza mascherina: è vero che erano all’aperto ma tra chi non ha fatto neppure una dose il virus circola con insistenza».

Le fiere potrebbero influire?
«Se ben organizzate e con tutte le precauzioni, green pass, mascherine e distanziamento, con la presenza di Protezione civile e carabinieri in congedo, essendo all’aperto sono relativamente poco contagiose».

© RIPRODUZIONE RISERVATA