Finte iniezioni di vaccino per far ottenere il Green pass, medico piceno arrestato. Ai domiciliari un intermediario

Martedì 4 Gennaio 2022
Un fotogramma dei controlli dei carabinieri

ASCOLI - Un medico in carcere, un intermediario ai domiciliari, 73 Green pass falsi sequestrati. Clamorosa svolta nella indagine su un giro di Green pass falsificati ottenuti con false iniezioni dei vaccini, che erano stati prelevati dal Centro Vaccinale dell'Asur di Ascoli Piceno e buttati via.

Questa mattina i carabinieri del comando provinciale di Ascoli hanno eseguito una ordinanza del Gip del tribunale di Ascoli richiesta dalla procura. In carcere un medico di medicina generale del Piceno accusato di peculato e falso. Seconda la procura avrebbe ritirato 120 dosi di vaccino di cui si è disfatto, attestando, invece, di averle somministrate ai pazienti, per fare ottenere loro il Green pass.

Ai domiciliari una delle 73 persone che ha ottenuto il Green pass ritenuto l'intermediario tra il medico e le altre persone che hanno ricevuto l'attestato verde senza averne diritto. A carico di questi la procura, dopo il sequestro di 73 Green pass ottenuti illecitamente, ipotizza il reato di falso.

 

Ultimo aggiornamento: 5 Gennaio, 08:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA