Dalla moda al Coronavirus: Kiro produce "Butterfly", la mascherina che si può lavare. Donazione al Comune

Sabato 28 Marzo 2020
Comunanza, dalla moda al Coronavirus: Kiro produce

COMUNANZA - La flessibilità, la capacità di adattarsi in tempi rapidi ai cambiamenti, la professionalità che permette di spaziare verso mansioni completamente nuove, sono qualità di alto profilo per un’azienda, ancor più in questo periodo di emergenza e nel futuro. Kiro, start up di Comunanza affermatasi in poco tempo in Italia e all’estero per la produzione di maglieria in cachemire di altissima qualità, in questi giorni di pandemia, col mercato fermo in generale, produrrà mascherine.

LEGGI ANCHE:
Fermo, ancora morti di Coronavirus all'ospedale Murri: scatta la caccia ad altri posti letto

Coronavirus, le Marche come Milano: maxi Rianimazione dentro una Fiera

«Abbiamo realizzato una mascherina con una nuova tipologia in cotone protettivo, riutilizzabile, lavabile e sanificabile». I primi 100 pezzi sono stati donati, la metà al Comune di Comunanza per distribuzione a operatori, personale sanitario e volontari, e gli altri 50 pezzi a carabinieri e forze dell’ordine. La consegna è avvenuta ieri mattina nell’ufficio del sindaco, dall’imprenditore Domenico Sacconi titolare della Kiro, naturalmente rispettando tutte le precauzioni di sicurezza anti contagio. La mascherina realizzata da Kiro è stata “battezzata” “Butterfly” cioè “Farfalla”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA