Ascoli, test sierologici Covid: sono 11 i positivi tra docenti e personale Ata

Mercoledì 2 Settembre 2020 di Emidio Lattanzi
Ascoli, test sierologici Covid: sono 11 i positivi tra docenti e personale Ata

ASCOLI - Sono undici fra docenti e personale Ata di Ascoli risultati positivi ieri al test sierologico e che oggi dovranno sottoporsi a tampone. «Ma non è il caso di fare allarmismi - puntualizza il primario di Igiene, Claudio Angelini- perchè un test sierologico su dieci dà falsi positivi. Nel complesso sono stati processati altro 280 test».

LEGGI ANCHE:
Sbatte contro il marciapiede e rovina a terra: muore un motociclista di 57 anni

Potrebbe essere di una turista ceca il cadavere in spiaggia. Scomparso anche l'uomo che era con lei


Sono invece tutti negativi i primi test sierologici effettuati sul personale scolastico iniziati ieri al palazzetto dello Sport di San Benedetto. Ne dà notizia l’Area Vasta tramite la direttrice del distretto Maria Teresa Nespeca, che sta supervisionando a livello provinciale i controlli su docenti e collaboratori scolastici. Ieri è stato il primo giorno di test effettuati sul parquet del palazzetto dello sport sambenedettese dove sono stati installati tavoli, sedie e tutto l’occorrente per effettuare i prelievi del sangue. 
 
«Si sono presentate tutte le persone presenti negli elenchi che ci erano stati forniti daidirigenti degli istituti - spiega la Nespeca - oltre ad altri che non erano in lista ma che si sono presentati spontaneamente e che sono stati sottoposti all’esame. In tutto circa 130 persone Nessuno dei test sierologici ha dato esito positivo». Il palasport, che potrebbe gestire circa cinquecento esami al giorno, tornerà a rappresentare il quartier generale dei prelievi anche nei prossimi giorni e serviranno a monitorare la situazione, oltre che negli istituti di San Benedetto, anche in quelli del territorio di riferimento composto dai comuni di Acquaviva Picena, Cossignano, Carassai, Cupra Marittima, Grottammare, Massignano, Monsampolo del Tronto, Montalto Marche, Monteprandone, Montefiore e Ripatransone. «Siamo attrezzati per effettuare un gran numero di esami del sangue e processarli per poi avere l’esito dei test nel giro di trenta minuti al massimo - conferma la Nespeca - dunque non si corre alcun rischio di sovraffollamento. Tutte le persone che lavorano nella scuola possono tranquillamente presentarsi per controllare la propria situazione». 
L’attesa
I test saranno effettuati nelle giornate di mercoledì, giovedì e venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 e dalle ore 14,30 alle ore 18,30. «Il meccanismo - spiega la dottoressa Nespeca - è semplice ci si presente e ci si sottopone ad un piccolo prelievo di sangue». Il risultato del test sierologico arriva a strettissimo giro: «Venti minuti, al massimo trenta e si sa se il test abbia avuto esito negativo o positivo. In caso di positività allora ci si dovrà sottoporre al tampone e fino al risultato di questo ulteriore esame si dovrà restare in isolamento ma ormai siamo attrezzati per dare una risposta nel minor tempo possibile». 
La lettera di Piunti
Infine il sindaco Piunti ha scritto una lettera al governatore delle Marche Ceriscioli chiedendo di posticipare l’avvio dell’anno scolastico. Il sindaco ammette di non essere riuscito a trovare sedi alternative ai seggi elettorali e inoltra punta l’indice sulla doppia sanificazione (e relativi costi) che bisognerà affrontare per l’avvio dell’anno scolastico e dopo le votazioni del 20 e 21 settembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA