Ascoli, spaventa l'arrivo di lombardi e piemontesi nelle seconde case: «Solo 9 persone per i controlli»

Giovedì 21 Maggio 2020 di Nino Orrea
Ascoli, spaventa l'arrivo di lombardi e piemontesi nelle seconde case: «Solo 9 persone per i controlli»

ASCOLI - Per il Dipartimento di Prevenzione dell’Area Vasta 5, quella che sta arrivando si annuncia come una estate difficile. Due, soprattutto, i motivi. Il primo, il prevedibile arrivo di molte persone provenienti dalla Lombardia e Piemonte che hanno nel Piceno una seconda casa. L’altro, collegato al primo, è la scarsità di personale del Dipartimento di Prevenzione. Attualmente, l’organico, è composto da cinque persone, tra Ascoli e San Benedetto, tra le quali ci sono un medico appena laureato e una specializzanda, entrambi a contratto. Con queste forze sarà difficile andare avanti, a meno, che non arrivi qualche rinforzo come promesso dal ministero della Salute. 

LEGGI ANCHE:
Confini aperti. Ceriscioli ottiene il via libera e firma il provvedimento. Si può andare nelle province confinanti di Romagna, Abruzzo, Toscana, Lazio e Umbria

Pesaro, dal caffè all'acconciatura, rincari a macchia di leopardo. Le categorie: «Rialzi minimi». Ristoranti in controtendenza

«I prossimi mesi – dice, al riguardo il direttore del Sisp, Claudio Angelini - saranno piuttosto complicati ed è evidente che con l’organico a disposizione non possiamo far fronte a tutto. C’è da considerare che tra le nostre attività c’è anche quella ispettiva sugli esercizi pubblici e questo significa controllare chalet, bar e ristoranti».
 
«Poi, un fattore da considerare è che il personale, dopo i mesi passati a combattere la pandemia, avrà pure diritto a qualche giorno di riposo. Persone alle quali abbiamo già chiesto l’impossibile nelle scorse settimane e alle quali non possiamo chiedere miracoli. Il fatto che in estate si riverseranno sulla nostra costa molte persone provenienti dalle regioni maggiormente a rischio, non ci consente di abbassare la guardia. E, come se non bastasse, uno dei primi compiti da affrontare già a partire dai prossimi giorni, è quello di recuperare il tempo per le vaccinazioni che nella fase di emergenza abbiamo stoppato, tranne che per le vaccinazioni ai bambini. Insomma, un quadro niente affatto consolante e che metterà ancora una volta a dura prova il personale del Dipartimento di Prevenzione a partire dagli assistenti sanitari». Una figura, quella dell’assistente sanitario, che nella fase dell’emergenza è stato in prima linea per la sorveglianza sanitaria e la tracciatura delle persone positive al Covid-19.

L’organico 
Attualmente, l’organico degli assistenti sanitari del Dipartimento di Prevenzione dell’Area Vasta 5 è composto da nove persone, un numero giudicato assolutamente insufficiente ad affrontare i prossimi mesi estivi. Perché uno dei compiti che gli assistenti sanitari dovranno affrontare fin da subito, è quello di recuperare il tempo per le vaccinazioni. Questo significa riorganizzare il servizio con una spalmatura dei tempi, per recuperare quanto non è stato possibile fare nei mesi passati. Perché a vaccinarsi non sono solo i bambini, ai quali, comunque, sono state fatte tutte le vaccinazioni previste dal protocollo, ma anche gli adulti. Se, poi, con l’afflusso di migliaia di persone sulle coste Picene provenienti dal nord Italia, dovesse eventualmente scoppiare una nuova emergenza che nessuno si augura, allora, le preoccupazioni presso il Dipartimento di Prevenzione aumentano. Intanto bisogna tracciare e controllare obbligatoriamente chi arriva dall’estero. Per tutti gli altri si aspettano, invece, le indicazioni del governo in previsione della riapertura dei confini regionali prevista per il prossimo 3 giugno Per questi motivi, tra gli assistenti sanitari, tutti laureati, serpeggia una notevole preoccupazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA