Coronavirus, riapre il cimitero di Ascoli, ma per 50 persone alla volta e visite di mezz'ora

Coronavirus, riapre il cimitero di Ascoli, ma per 50 persone alla volta e visite di mezz'ora
Coronavirus, riapre il cimitero di Ascoli, ma per 50 persone alla volta e visite di mezz'ora
di Matteo De Angelis
4 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Aprile 2020, 07:03

ASCOLI - Il cimitero civico di Borgo Solestà riapre le proprie porte: 50 persone alla volta per un tempo massimo di 30 minuti. Da lunedì 4 maggio infatti, gli ascolani potranno tornare a far visita ai loro defunti. Come annunciato dal sindacodi Ascoli Marco Fioravanti nel corso della diretta serale, il cimitero sarà aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 12.

LEGGI ANCHE:
Gualazzi, in un video la sua vicinanza all'iniziativa del Corriere Adriatico per l'ospedale regionale

Coronavirus, 7 morti in un giorno nelle Marche, la più giovane aveva 65 anni. In totale sono 906

«Vogliamo dimostrare la nostra vicinanza a quanti ci chiedono di poter rivolgere una preghiera ai loro defunti» le parole del sindaco che aggiunge: «Chiedo però a tutti di rispettare le misure di sicurezza e di permettere a tutti i cittadini di poter onorare la memoria dei propri cari». Il cimitero era stato chiuso in ottemperanza alle misure più restrittive finalizzate a contenere il diffondersi del Covid-19: il nuovo Dpcm annunciato dal Presidente Conte che, a partire da lunedì, permetterà di dare avvio a una graduale Fase 2, porterà però alla riapertura del cimitero civico.
 
L’amministrazione ha infatti tenuto conto di come il Dpcm consenta – tra le altre cose - di effettuare passeggiate più distanti dalla propria abitazione: per tali ragioni, nel rispetto di tutte le normative di sicurezza, si è voluta soddisfare l’esigenza manifestata da numerosi cittadini di poter tornare a rivolgere una preghiera ai propri defunti. 
Le regole

La riapertura del cimitero seguirà regole ben precise, con l’accesso che sarà rigorosamente contingentato: l’ingresso sarà infatti permesso a un massimo di 50 persone alla volta, con la visita che non potrà eccedere la durata massima di 30 minuti. Chi vorrà far visita ai propri defunti dovrà limitarsi alla sola deposizione di fiori e alla recita di una preghiera, per poi lasciare spazio e posto agli altri cittadini. L’accesso e l’uscita dal cimitero saranno separati: chi sarà in attesa del proprio ingresso, dovrà disporsi in fila distanziato di almeno due metri dalle altre persone, indossando guanti e mascherine di protezione. La stessa distanza dovrà essere mantenuta anche all’interno del cimitero, sia lungo il percorso che conduce al tumulo sia dinanzi a esso. 
I controlli
A controllare la regolarità dell’afflusso e del deflusso dei cittadini saranno i volontari della Protezione civile, che stazioneranno all’esterno del cimitero. All’interno non mancheranno invece i controlli da parte dei vigili urbani, che saranno incaricati di far rispettare le distanze tra i cittadini. Nel pomeriggio di ieri alcuni operatori hanno provveduto a sanificare e igienizzare gli spazi interni del cimitero di Borgo Solestà: «L’auspicio è che presto ciascuno di voi possa tornare a rendere omaggio ai propri cari» erano state le parole del sindaco Fioravanti il giorno di Pasqua, quando si era recato da solo al cimitero per depositare simbolicamente un mazzo di fiori e per rivolgere una preghiera ai defunti a nome di tutti gli ascolani. Da lunedì prossimo questo sarà nuovamente possibile. Per quello che riguarda i cimiteri rurali il numero di accesso è limitato a 20 persone alla volta

© RIPRODUZIONE RISERVATA