Ascoli, controlli e transenne: l'Arengo dà scacco alla movida del sabato

Sabato 30 Maggio 2020 di Luca Marcolini
Ascoli, controlli e transenne: l'Arengo dà scacco alla movida del sabato

ASCOLI - Arriva la prova della verità sul problema degli assembramenti del sabato sera. Quello di oggi sarà un test importante per capire se gli ascolani, dai titolari dei locali ai cittadini, sapranno mantenere lo stesso senso di responsabilità che hanno tenuto nel periodo più critico dell’emergenza Coronavirus, invertendo la tendenza rispetto allo scorso fine settimana. E da questo punto di vista, il sindaco Marco Fioravanti ha già disposto, in coordinamento con il prefetto e le altre forze dell’ordine, una serie di misure per evitare problemi. Innanzitutto, è stato concordato il raddoppio delle pattuglie per il controllo del territorio e soprattutto in prossimità dei locali pubblici con spazi all’aperto

LEGGI ANCHE:
Il Coronavirus uccide un'altra persona: è un uomo del pesarese di soli 47 anni/ La mappa interattiva del contagio provincia per provincia

Via libera a centri estivi e colonie, nelle Marche riaprono il prossimo 8 giugno/ I protocolli per ripartire

Un monitoraggio a tappeto, con eventuali sanzioni, che verrà garantito dai vigili urbani insieme alle altre forze dell’ordine. Poi si metteranno in campo anche i volontari della Protezione civile pronti ad intervenire con transenne in caso di assembramenti. A ciò si aggiungono anche un messaggio per sensibilizzare la popolazione, durante la giornata e una possibile ordinanza che il sindaco deciderà di emanare in serata solo se necessaria, per vietare la vendita degli alcolici dopo la mezzanotte.
 
«Invito nuovamente gestori dei locali e cittadini - spiega Fioravanti – a non dimenticarsi di quello che abbiamo passato finora e riflettendo sul fatto che ora dobbiamo essere bravi a non vanificare i sacrifici fatti. Come amministrazione comunale vogliamo andare incontro ai commercianti, ma dobbiamo pure garantire la massima sicurezza dal punto di vista sanitario. Per questo motivo, rivolgo un appello ad essere tutti responsabili e a riconfermare il dato che ha visto fino ad oggi Ascoli come una città modello per la reazione alla pandemia. Dobbiamo riuscire a garantire il giusto equilibrio tra il sostegno al nostro sistema economico, che fatica ad andare avanti dopo l’emergenza, e l’aspetto della salute pubblica, altrettanto fondamentale». Sulle misure per evitare che si ripetano, in questo weekend, i casi di assembramento verificatisi la settimana scorsa, il sindaco illustra le scelte fatte. «In accordo con il prefetto, abbiamo disposto il raddoppio delle pattuglie, tra vigili urbani e altre forze dell’ordine. Inoltre, abbiamo deciso di coinvolgere anche i volontari della Protezione civile, con transenne e dislocate in vari punti della città, per intervenire creando canalizzazioni delle persone e scongiurare assembramenti se necessario. In aggiunta, già nell’arco della giornata, un’auto con la fonica girerà per la città per ricordare ai cittadini di rispettare le regole del distanziamento e dell’utilizzo dei dispositivi di sicurezza. Inoltre, è pronta un’ordinanza per il divieto di vendita degli alcolici dopo la mezzanotte se la situazione dovesse diventare critica. La diramerò direttamente domani sera (oggi, ndr) se si renderà necessaria». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche