Ascoli, la gita a Corfù contagia ancora: due nuovi positivi. Boom di persone in isolamento

Giovedì 20 Agosto 2020 di Mario Paci
Ascoli, la gita a Corfù contagia ancora: due nuovi positivi. Boom di persone in isolamento

ASCOLI - Sta per fortuna calando l’ondata dei contagi da Covid-19 nella provincia picena. Dopo il caso positivo di martedì, ieri ne sono stati registrati altri due sempre ad Ascoli. si tratta di giovani che sono venuti a contatto con loro fcoetanei che hanno partecipato alla sventurata gita a Corfù in Grecia di inizio agosto. Ieri sono stati processati 250 tamponi per cui il numero degli infettati è molto basso mentre resta altissimo quello delle persone, prevalentemente ragazzi, collocate in isolamento domiciliare. 

LEGGI ANCHE:
Si abbassa i calzoni e si tocca guardando una donna sulla ciclabile: caccia al maniaco

Minaccia di morte la convivente e i suoi genitori, spintona i carabinieri: 42enne arrestato ma subito rimesso in libertà


Isolamento domiciliare che potrebbe terminare alla fine di questa settimana (sempre se il doppio tampone risulterà negativo) per il primo ragazzo contagiato che denunciò pubblicamente sui social con tanto di video di avere contratto il Coronavirus in Grecia «ma di stare bene».
 
Finora, infatti, i quasi sessanta contagiati sono asintomatici o accusano lievi sintomi(poche linee di febbre o raffreddore). 
Lo studio clinico
Intanto la direzione generale dell’Area vasta ha autorizzato uno studio clinico relativo al Covid. Piero Galieni, primario del reparto di ematologia dell’ospedale Mazzoni ha presentato il 16 aprile scorso la richiesta di autorizzazione della direzione ed il parere del Comitato etico regionale per avviare lo studio clinico No Profit “HM-COVID19-Italy”.Galieni, quale medico responsabile dello studio, ha prodotto relazione sulla ricerca scientifica. Lo studio decorrerà dalla data di autorizzazione e terminerà il 1 maggio 2021. 
La sperimentazione
Lo sperimentatore principale è l’ematologo Piero Galieni coadiuvato dal dottor Stefano Angelini (collaboratore tecnico statistico statistico). Saranno arruolati due 2 pazientie l’impegno è quantizzato in due ore mensili ciasacuno per il personale coinvolto, svolte al di fuori dell’orario di servizio.
Non è previsto alcun compenso per gli sperimentatori, né alcun costo a carico dell’Amministrazione. Il Comitato etico regionale Marche, ha espresso parere favorevole così come la direzione generale dell’Area vasta che ha quindi ritenuto di poter procedere ad autorizzare l’esecuzione dello studio. Ciò tenuto conto che: lo studio sarà condotto nel pieno rispetto della dichiarazione di Helsinki ed in conformità alle norme di buona pratica clinica. E come evidenziato per la conduzione dello studio suddetto non è previsto alcun compenso per gli sperimentatori né alcun costo a carico dell’Amministrazione, nè è prevista stipula di alcuna convenzione economica tra le parti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA