Guariscono gli infettati dalle varianti Covid, ma crescono i ricoverati: restano venti posti letto

Martedì 2 Marzo 2021 di Nino Orrea
Ascoli, guariscono gli infettati dalle varianti Covid, ma crescono i ricoverati: restano venti posti letto

ASCOLI - È iniziata a rilento la vaccinazione per il personale della scuola. Un errore sulla piattaforma delle prenotazioni, ha ridotto drasticamente il numero degli operatori scolastici che, ieri, dovevano vaccinarsi contro il Covid. La previsione era di 70 docenti e personale Ata al giorno, ma l’errore verificatosi sulla piattaforma, ha portato a vaccinarsi solo una trentina di persone. Il programma iniziale prevedeva la vaccinazione di 18 over 80 e 7 di persone appartenenti al mondo della scuola ogni ora, che avrebbe determinato un totale di 180 over 80 e 70 del personale scolastico.

 

Le prenotazioni

Purtroppo però gli slot sono stati prenotati dagli over 80. Tutto dovrebbe, però, normalizzarsi dalla giornata odierna, quando, almeno nell’Area Vasta 5, saranno 140 gli insegnanti a vaccinarsi ogni giorno, 70 presso la Casa della Gioventù ad Ascoli e 70 presso il Palazzetto dello Sport di San Benedetto. Al personale della scuola verrà sommnistrato il vccino Astrazeneca fino alle persone fino a 65 anni. Continua, invece, senza intoppi, la campagna vaccinale riservata agli over 80. Al riguardo, a partire dalla prossima settimana, l’Area Vasta 5, procederà alla somministrazione della seconda dose agli anziani che hanno ricevuto già la prima, mentre si continuerà a vaccinare gli over 80 che non hanno ricevuto ancora la prima dose. Una procedura che farà innalzare il numero degli over 80 coinvolti nella campagna vaccinale e si stima che saranno quasi 200 ogni giorno, un numero uguale sia per Ascoli che per S. Benedetto. Domani inizierà, invece, a meno di colpi di scena, la campagna vaccinale per gli appartenenti alle forze dell’ordine, anche loro con il vaccino AstraZeneca come per gli insegnanti. 

La campagna vaccinale

La campagna vaccinale per gli appartenenti alle forze dell’ordine si svolgerà presso le sedi dei distretti di Ascoli e di San Benedetto. Questo per quanto riguarda la campagna vaccinale. Sul piano dei contagi si ha un aumento costante di nuovi positivi che il Dipartimento di Prevenzione calcola in 60 casi al giorno. La gran parte di questi è sempre concentrata lungo la costa. Alla data di ieri, a San Benedetto, secondo i dati della Regione, si registravano 257 positivi con 501 persone in isolamento domiciliare. A Grottammare il numero dei positivi era di 69 persone con 110 soggetti in quarantena. A Cupra, boom di contagi, con 71 positivi e 139 persone in isolamento domiciliare. A Monteprandone, il numero di positivi ha raggiunto quota 64, mentre i soggetti in quarantena si sono attestati a 148. A San Benedetto la situazione più preoccupante con 250 infettati. 

Le varianti

Per quanto riguarda la presenza di varianti al Covid-19, dal Dipartimento di Prevenzione dell’Area Vasta 5 fanno sapere che si sono individuati due soggetti affetti dalla variante inglese e altri due da quella sudafricana, ma in tutti i casi le persone sono guarite dal Coronavirus o sono in via di guarigione. La cosa positiva è he non sono state individuate altre persone, al momento, colpite da una delle varianti che sta circolando nel nostro Paese. Resta pressocchè stabile, invece, la situazione nel capoluogo, dove alla data di ieri si registravano 135 positivi con 225 persone in isolamento domiciliare. Proprio l’impennata di contagi nella nostra provincia desta preoccupazione nelle autorità sanitarie del’Area Vasta 5 che vedono con terrore ai prossimi giorni quando si manifesteranno gli effetti del Carnevale e della festa di San Valentino. Preoccupano anche gli assembramenti nelle varie città, come quello di sabato nel capoluogo, dove piazza del Popolo era gremita da centinaia di giovani. Per questo motivo nella nostra Area Vasta ci si sta preparando al peggio, con la speranza che non accada quello che molti temono. 

Il summit

Nella giornata di oggi, infatti, si terrà una riunione dell’Unità di crisi dell’Area Vasta 5, dove sarà fatto il punto della campagna vaccinale e dei contagi, con un occhio ricolto in modo particolare alla situazione dei posti letto per i malati Covid-19. Attualmente sono 69 le persone ricoverate nei reparti Covid di Ascoli e S. Benedetto, con una ventina di posti letto ancora disponibili. L’idea è quella di aumentare la capienza dei posti letto per non farsi trovare impreparati se la terza ondata dovesse arrivare con gli effetti già noti in altre zone d’Italia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA