Ascoli, contagi di rientro, il sindaco: «Obbligo di segnalazione alle autorità sanitarie per chi torna dall'estero»

Mercoledì 12 Agosto 2020
Ascoli, contagi di rientro, il sindaco: «Obbligo di segnalazione alle autorità sanitarie per chi torna dall'estero»

ASCOLI - I contagi di rientro rischiano di riaccendere l'allarme coronavirus che sembrava affievolirsi ad inizio estate. Il cluster di ritorno dalla Croazia nel pesarese e quello dalla Grecia nell'ascolano preoccupano non poco. Per questo il sindaco di Ascoli Marco Fioravanti chiede l'obbligo si segnalazione alle autorità sanitarie di chi rientra dall'estero.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, i rientri fanno impennare i nuovi positivi: 16 nelle Marche, 7 sono nell'Ascolano/ La mappa interattiva del contagio

Incubo contagi Covid di rientro: positivi quattro ventenni dopo il viaggio a Corfù

La misura sarebbe valida anche per chi è rientrato dall'estero negli ultimi 15 giorni anche di assenza di qualsiasi sintomo. Ma il Comune non può emenarla "motu proprio" e quindi il primo cittadino ascolano si appella al governatore delle Marche Luca Ceriscioli: «La Regione emetta un'ordinanza specifica, è l'unico ente legittimato dal decreto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA