Castel di Lama, lo stalker rompe a calci
la vetrina del bar dove lavora la ex

Giovedì 20 Giugno 2019
Castel di Lama, lo stalker rompe a calci la vetrina del bar dove lavora la ex

ASCOLI - Davanti al giudice Matteo Di Battista si è aperto il processo che vede imputato un trentenne di Castel di Lama che dovrà rispondere di stalking e lesioni nei confronti della sua ex fidanzata. Sono stati sentiti la vittima della vicenda ed alcuni testimoni i quali hanno confermato di aver assistito in diverse occasioni a scene violente da parte del giovane nei confronti della ragazza. Il fatto più grave, comunque, si registrava nel maggio 2015 davanti al bar in cui lavorava la giovane. La quale intorno alle 7.30 si apprestava ad aprire l’esercizio commerciale dove lavorava come commessa. Il suo ex la stava aspettando per insultarla e minacciarla, costringendola a chiudersi all’interno del bar. Perso ormai il controllo, il trentenne cominciava a dare calci alla vetrina che andava in frantumi. Non soddisfatto dei danni già provocati, il giovane colpiva con un pugno lo specchietto retrovisore esterno dell’auto della ragazza. Inoltre sferrava alcuni calci alla carrozzeria del mezzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA