Impazza il toto candidato sindaco, Ruggieri ammicca al centrodestra. Le strategie dei partiti

Il Comune di Castel di Lama
Il Comune di Castel di Lama
di Eduardo Parente
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 30 Novembre 2022, 03:50

CASTEL DI LAMA - La roulette di palazzo comunale gira già vorticosamente, nonostante manchino ancora almeno sei mesi alle elezioni. Questo è, però, il momento in cui la giostra pre-campagna elettorale, serve a tritare nomi. Ma a quale scopo? Sondare il terreno o affossare gli irriducibili? Staremo a vedere.

Ma, soprattutto, staremo a vedere se agli elettori verrà dato, ancora una volta, l’arduo compito di scegliere il proprio sindaco tra una miriade di candidati e di liste e listarelle. Del resto la storia recente insegna: cinque liste durante l’ultima tornata elettorale e ben sette in quella prima, in cui, addirittura, un candidato sindaco prese solo 100 voti. 

Ma quali sono i nomi che circolano già a Castel di Lama? L’attuale sindaco, il pentastellato Mauro Bochicchio, è molto probabile che ci riprovi, ma non è ancora dato sapere se sarà ufficialmente così. Molti, in paese, dicono che sarà di nuovo in corsa per occupare lo scranno più alto in via del Carrafo. Si stanno delineando, però, diversi gruppi, di cui il più strutturato è il Comitato 2023: si tratta di una compagine associativa, il cui referente è il cardiologo Stenio Amabili, che nasce a sostegno della candidatura di Tiziano Oddi, ex assessore al bilancio durante l’era di Patrizia Rossini, e revisore dei conti della Pro loco. Questa realtà, che mette insieme alcune anime della Pro loco e pezzi importanti dell’imprenditoria lamense, potrebbe anche far gola ad un Partito democratico che, probabilmente, non ha ancora le idee chiare.

Anche se, almeno per il momento, la maggioranza del coordinamento comunale Dem sembra non gradire intese tra le due formazioni. Anche la coalizione del centrodestra (Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia) è in pieno fermento: oltre a Francesco Ciabattoni, infatti, il nome più gettonato è quello di Athos Capriotti di Forza Italia, nominato di recente coordinatore comunale degli Azzurri. E per puro spirito di coalizione, lo stesso Ciabattoni, a detta sua, sarebbe disposto a cedere la candidatura a sindaco, purché si crei una lista di centro destra moderata. 

I vertici del centrodestra, in vista delle elezioni, fanno sapere che «nella serata di lunedì si sono riuniti i coordinamenti comunali e provinciali di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia, per attivare un percorso mirato a creare una lista unitaria del centrodestra. Una lista in grado di rappresentare una nuova scelta per i cittadini. Sarà una proposta amministrativa capace di rilanciare un Comune che merita di riappropriarsi di quel ruolo che ha perduto negli ultimi anni». E l’ex sindaco Francesco Ruggieri e il suo ex vice, Gianluca Re? Rumors assicurano che il primo stia tentando la scalata nel centrodestra, mentre il secondo sarebbe l’ideatore del Comitato 2023. Pronto, al momento giusto, ad espugnare il Comune. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA