Porta il suo rottweiler a spasso, ma l'animale l'attacca e lo azzanna al volto: trentenne sfigurato

Mercoledì 1 Luglio 2020 di Emidio Lattanzi
Carassai, porta il suo rottweiler a spasso, ma l'animale l'attacca e lo azzanna al volto: trentenne sfigurato

CARASSAI - Ha dell’assurdo quanto accaduto, nella notte tra lunedì e martedì, a Carassai. Un ragazzo di trent’anni sue iniziali, è infatti stato letteralmente azzannato e sfigurato in volto dal proprio cane, un rottweiler che lo ha aggredito.

LEGGI ANCHE:
Malore durante la passeggiata: lo storico parrucchiere Germano muore a 52 anni

Resta senza respiro all'improvviso, gravissima una ragazza di 21 anni

È accaduto intorno alle 3 del mattino quando il ragazzo, che lavora nella struttura ricettiva di famiglia, aveva terminato la serata di lavoro e, come sempre, prima di andare a letto ha portato il cane a fare una passeggiata. Tenendolo sempre al guinzaglio ha raggiunto un parco pubblico dove, per motivi al momento ignoti, il cane si è girato contro di lui saltandogli addosso e iniziandolo a mordere sia sul volto che in più parti del corpo. 
 
Le grida disperate 
I rumori e le grida hanno richiamato diversi residenti della zona che, malgrado l’ora tarda, sono corsi in strada dando l’allarme e allertando il 118. Sul posto è arrivata un’ambulanza partita dal presidio Potes di San Benedetto. I sanitari arrivati a bordo del mezzo di emergenza hanno effettuato le prime medicazioni sul posto per poi trasportare il ragazzo all’ospedale Madonna del Soccorso in codice rosso. All’interno del nosocomio sambenedettese sono state praticate le prime medicazioni ed è stato predisposto il trasporto, attraverso un’ambulanza, all’ospedale regionale Torrette di Ancona per le conseguenze subite dal volto lacerato, in più punti, in maniera pesante. Il trentenne, intorno alle 7.30 di ieri mattina, è così stato trasportato nel capoluogo dorico dove è stato preso in cura dallo staff medico dell’ospedale. 
Cane e padrone legati tra loro
Il cane è ora stato preso in carico dal servizio veterinario dell’Asur che lo terrà per un determinato periodo di tempo in osservazione e poi dovrà pronunciarsi sulla sorte dell’animale. Il rottweiler era particolarmente legato al giovane ferito tanto che era proprio il trentenne che, in famiglia, si prende cura del cane e che più di tutti gli altri, gestisce l’animale. Per questo motivo sembra assurdo quello che è accaduto nella notte tra lunedì e martedì. Increduli sono anche i familiari del ragazzo che sono subito stati avvisati dell’accaduto e che ora sono vicini al trentenne aiutandolo a superare questo difficile momento e ad affrontare le cure alle quali dovrà sottoporsi. 
Le indagini 
Sul posto, insieme ai sanitari, sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Montalto al comando del maresciallo Antonio Crafa, che sono competenti, per territorio, sul comune di Carassai. Stano cercando ci capire, anche per essere di aiuto agli operatori del servizio veterinario dell’Asur che dovranno pronunciarsi sul cane, se ci sia stato qualcosa che abbia fatto scattare l’animale provocandone quella inaspettata reazione. Non è escluso che il rottweiler possa essere portato nel canile di Querciaferrata dove esiste un settore che ospita proprio i cani di difficile gestione. Tra loro c’è un pitbull che, negli anni scorsi, ha per due volte aggredito prima un’operatrice della struttura, che se lo è trovato di fronte, sia un operaio che stava effettuando dei lavori. Reazioni imprevedibili e istintive con le quali, purtroppo, chi la

© RIPRODUZIONE RISERVATA