Caos societario della Samb, chiesta una commissione d'inchiesta sui lavori allo stadio Riviera delle Palme

Domenica 4 Aprile 2021
Lo stadio Riviera delle Palme

SAN BENEDETTO - «Quanto si è tutelato il Comune di fronte ai lavori svolti presso lo stadio? C’è il rischio che a rimetterci sia l’amministrazione con i soldi dei cittadini?». Quesiti che hanno posto il consigliere di Articolo 1 Flavia Mandrelli e tutta la minoranza, in merito alla vicenda stadio, tanto da chiedere ufficialmente l’istituzione di una commissione di indagine per fare luce sui rapporti tra amministrazione e Sambenedettese calcio soprattutto in merito ai lavori svolti al Riviera delle Palme. 

 

 

Vuole vederci chiaro l’opposizione sull’affare Samb che è esploso nelle ultime settimane, allargatosi a macchia d’olio, fino a coinvolgere anche i lavori eseguiti allo stadio Riviera delle Palme con il rifacimento del manto erboso. «Vogliamo trasparenza e conoscere da vicino la vicenda Samb e i rapporti intercorsi tra la società e Comune- afferma il consigliere di Articolo 1 Flavia Mandrelli - Ci siamo interessati perché abbiamo riscontrato poca chiarezza di fronte alle carte soprattutto da parte dell’amministrazione comunale. Vogliamo sapere in primis che tutele abbiamo acquisito di fronte ai lavori eseguiti. Non è chiaro se il Comune si è tutelato». Ed è per questo che oggi la minoranza richiede una commissione di indagine come prevista dagli articoli 30 e 31 del regolamento del consiglio comunale e sarà proprio l’assise a doversi esprimere a favore dell’istituzione di questo tavolo. Il sindaco Piunti da parte sua ha costituito un gruppo di lavoro ma la minoranza sostiene che da questo pool sarebbe emerso poco o niente. 

Un film già visto. È il caso di dirlo per chi ha buona memoria e ricorda come nel secondo mandato Gaspari venne costituita la stessa commissione di indagine sempre per il Riviera delle Palme, ma in quel caso per fare luce sui lavori di installazione dell’impianto fotovoltaico. A ricordarlo è il consigliere del Gruppo misto Bruno Gabrielli che afferma: «L’istituzione della commissione dovrà essere votata con la maggioranza assoluta dei consiglieri, speriamo che tutti comprendano e la si voti all’unanimità. È importante fare chiarezza, riguarda proprio gli atti amministrativi messi in campo dal Comune. Credo che questa istanza sarà accolta, anche perché l’attuale vice sindaco Pierluigi Tassotti e il sindaco Piunti 6 anni fa furono i protagonisti di quella commissione». 

Su quanto avvenuto sul campo del Riviera è stata attenzionata anche la Procura della Repubblica da parte del Movimento Cinquestelle con un esposto. Azione che non vedrebbe molto d’accordo il centrista Pellei che dice: «Gli strumenti ufficiali della politica sono le commissioni e non la magistratura. Noi abbiamo un modo diverso di procedere rispetto ai Cinquestelle. Qui siamo di fronte a un’amministrazione che improvvisa. Si mettono pezze su tutto, il sindaco Piunti rincorre i problemi senza risolverli. Ricordiamo che per comperare i seggiolini per lo stadio venne approvata una variazione di bilancio da 300mila euro, invece di fare una raccolta fondi». 

Tutto questo però non esclude un futuro coinvolgimento della Procura anche da parte della minoranza, è lo stesso consigliere Mandrelli a ricordare come nel caso si intraveda un reato si porteranno le carte alla magistratura. A oggi è stato chiesto il nullaosta concesso dal Comune per l’autorizzazione al nuovo manto erboso, così come è stato chiesto un incontro con il responsabile del procedimento Alessandro Amadio dell’ufficio sport del Comune. «C’è da mappare tutta la situazione- termina Gabrielli - dal 2016 -2019 sono stati spesi dal Comune per la Samb 1.090.316 euro. Che non ci sia un interesse pubblico sulla Samb non si può certo dire».
Alessandra Clementi

© RIPRODUZIONE RISERVATA