Il Viminale finanzia anche la scuola di Sant’Agostino: due milioni di euro per interventi di messa in sicurezza antisismica

Mercoledì 1 Dicembre 2021
Il Viminale finanzia anche la scuola di Sant Agostino: due milioni di euro per interventi di messa in sicurezza antisismica

ASCOLI - Si amplia ufficialmente il numero delle scuole comunali di Ascoli che saranno sottoposte ad interventi di messa in sicurezza antisismica: saranno in totale 11 oltre all’intervento su una palestra. Adesso, infatti dopo l’anticipazione dello sblocco con una comunicazione ministeriale pervenuta all’Arengo è arrivato il decreto ministeriale ufficiale che certifica l’inserimento anche della scuola primaria di Sant’Agostino con un finanziamento di due milioni di euro.

 

 


A confermare la certificazione dello stanziamento è il sindaco Fioravanti che si dichiara soddisfatto dell’ulteriore possibilità concessa all’Arengo. «Il Ministero dell’interno – annuncia il primo cittadino – ora ha formalmente emanato il decreto per la concessione di due milioni di euro per il miglioramento sismico della scuola di Sant’Agostino. A questo punto, essendo già stato approvato il progetto, procederemo con l’invio degli elaborati per la validazione e poi partiremo con l’appalto dei lavori. Questo comporterà un impegno aggiuntivo, per l’ente, dal punto di vista della logistica, ma potremo rendere antisismiche quasi tutte le scuole». «Nel frattempo – aggiunge il sindaco - Stiamo accelerando sul cronoprogramma tra progettazioni, con tutte le gare avviate o concluse, e i primi appalti dei lavori. Intanto, entro il primo trimestre 2022 si apriranno i primi cantieri per la scuola primaria di Poggio di Bretta e per la media di Monticelli». 

Il segnale ministeriale riguardo lo sblocco dell’intervento sulla scuola di Sant’Agostino era già arrivato, a Palazzo Arengo, nello scorso mese di settembre, con l’ente che, su precisa richiesta da Roma aveva ribadito la volontà di portare avanti il progetto di messa in sicurezza antisismica. E adesso, come previsto, il tutto è stato formalizzato attraverso uno specifico decreto che conferma lo stanziamento di due milioni di euro. L’Arengo aveva presentato ormai circa un anno fa il progetto con richiesta di contributo per intervenire sulla sede scolastica, partecipando ad uno specifico bando del Ministero. E adesso, considerando che si trattava dell’elaborato progettuale esecutivo, gli uffici tecnici dell’Arengo potranno avviare le procedure per chiedere la necessaria validazione e poi arrivare a definire e pubblicare il bando di gara per l’appalto dei lavori.

Il progetto prevede l’effettuazione di una serie di interventi che permetteranno il raggiungimento dello stato di “adeguamento sismico” dell’immobile in modo da poter poi arrivare a ridurre l’indice di rischio sismico dell’edificio rendendo la struttura perfettamente adeguata. Nello specifico, si prevedono lavori di cerchiatura delle bucature, interventi con intonaco armato, intervento con iniezione di miscele leganti e l’inserimento di cordoli. Con l’inserimento della scuola di Sant’Agostino, come detto, saliranno a 12 (11 scuole e una palestra scolastica) gli interventi antisismici messi in campo dall’Arengo su questo fronte. 


Nel frattempo, con gli uffici comunali coordinati dal dirigente Galanti che porteranno avanti tutte le procedure di gara, sia per la progettazione che per l’appalto dei lavori, il sindaco Fioravanti intende arrivare a definire intorno al 10 dicembre il programma dei trasferimenti degli studenti, a partire da prima dell’avvio del prossimo anno scolastico, nelle sedi temporanee che saranno individuate. A seguito dello specifico avviso dall’Arengo per individuare possibili soluzioni sono arrivate tre proposte che sono attualmente in fase di valutazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA