Slalom dei bus tra i cantieri per portare a scuola i ragazzi: ecco le soluzioni migliori

Slalom dei bus tra i cantieri per portare a scuola i ragazzi: ecco le soluzioni migliori
Slalom dei bus tra i cantieri per portare a scuola i ragazzi: ecco le soluzioni migliori
di Luca Marcolini
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 14 Settembre 2022, 05:30

ASCOLI  - Il suono della campanella segna l’avvio, oggi, per le migliaia di studenti ascolani e piceni di tutte le fasce d’età, di un nuovo anno scolastico che rappresenta un test molto importante su più fronti per la tenuta di tutto il sistema logistico che ruota attorno alle attività didattiche. 

 
Le prove
Sarà una “prova del nove” per il ritorno in classe con più leggerezza e meno dispositivi e protocolli dopo due anni molto difficili segnati dal Covid. Ma, al tempo stesso, sarà un test significativo anche per la macchina comunale dopo lo sblocco e l’apertura dei primi quattro cantieri - aggiungendo anche il plesso di Sant’Agostino - per la messa in sicurezza antisismica delle sedi scolastiche in un percorso che si protrarrà anche nei prossimi anni tra soluzioni temporanee e speciali collegamenti di trasporto scolastico. Infine, l’altra prova da superare, facendo i salti mortali tra lavori e viabilità modificata, sarà proprio quella dei collegamenti e dei servizi di trasporto degli studenti duramente messi alla prova da tutte queste varianti e criticità quali, ad esempio, la chiusura del transito all’altezza del ponte di San Filippo per i lavori su via Tevere, affiancata dall’altra chiusura parziale per la riqualificazione di corso Trieste.

Arengo, polizia municipale e Start, su tutti questi aspetti hanno lavorato a testa bassa, anche confrontandosi con i dirigenti scolastici, per mettere in campo una serie di modifiche e soluzioni mirate ad attenuare gli inevitabili disagi. 


Bus per le superiori 
Per fronteggiare le esigenze e le problematiche legate sia ai necessari spostamenti di studenti in altre sedi per i cantieri aperti in alcune scuole (Media di Monticelli, Primaria di Poggio di Bretta, Primaria Cagnucci e Infanzia e Primaria di Sant’Agostino), sia alla luce delle chiusure o delle modifiche alla viabilità resesi necessarie per lavori in corso, come nel caso di via Tevere-ponte di San Filippo e corso Trieste. In tale direzione, l’amministrazione comunale, insieme agli uffici della polizia municipale e del settore trasporti d’intesa con la Start, ha comunicato ai dirigenti scolastici degli istituti superiori le modifiche alle linee di trasporto e alle fermate per garantire il raggiungimento delle sedi scolastiche in concomitanza con le chiusure resesi necessarie.

In concreto, gli autobus delle linee extraurbane provenienti da est (ovvero da San Benedetto e la costa oltreché dalla vallata del Tronto e i paesi limitrofi) potranno raggiungere le scuole ubicate in zona Porta Maggiore/S. Filippo (Agraria, Industriali, Scientifico, Biologico) percorrendo il ponte Rozzi e utilizzando l’area interna della stazione di servizio in viale della Repubblica come capolinea provvisorio (che sarà segnalato con apposita palina). Per le scuole nell’orbita del centro storico, ovvero Ragioneria, Geometri, Ipsia e Liceo classico, verrà garantita la fermata del Gioli. Per le linee bus extraurbane provenienti da ovest (ad esempio da Acquasanta, Arquata, Amatrice, Comunanza, Amandola, Roccafluvione), invece, rimarranno invariate rispetto allo scorso anno scolastico, garantendo il raggiungimento delle scuole superiori cittadine. Si cercherà, in tal senso, di rispettare gli orari delle linee vigenti. 


Navette e Sant’Agostino 
Per quanto riguarda, invece, il servizio urbano utilizzabile dagli studenti, per la linea 1 saranno attivi dei bus navetta che collegheranno, facendo la spola, la fermata in viale Rozzi (zona di San Marcello, all’altezza della rotatoria vicina al Conad) con il capolinea provvisorio della stazione di carburanti di viale della Repubblica e con fermate già esistenti previste lungo il percorso (rotatoria San Marcello, all’altezza del locale Sushi Aotsuki posizionandosi sul lato ovest, sede della Ciip posizionandosi sul lato sud e distributore di carburanti adiacente all’Iti). Per la linea 2, invece, gli studenti potranno scendere al palazzo che ospita l’Aci e raggiungere le scuole a piedi o, in alternativa, scendere alla rotatoria di San Marcello per poi usufruire delle navette della linea 1. Per gli alunni che frequentano la scuola a Sant’Agostino, come già anticipato, sarà invece disponibile uno scuolabus che collegherà il plesso scolastico in questione con Ceci e D’Azeglio, dove gli alunni di infanzia e primaria svolgeranno l’attività didattica. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA