Schianto mortale contro un furgone sulla Salaria: disposta l'autopsia per Federico

Domenica 22 Maggio 2022 di Luigi Miozzi
Schianto mortale contro un furgone sulla Salaria: disposta l'autopsia per Federico

ASCOLI  - Verrà assegnato all’inizio della prossima settimana l’incarico al medico legale che dovrà effettuare l’autopsia su Federico Pietracci, il motociclista di 33 anni deceduto giovedì sera seguito di un tragico frontale con un furgone che si è verificato lungo la Salaria, a Campolungo.

 

La Procura di Ascoli intende fare piena luce su quanto accaduto e per questo ha deciso di avvalersi della consulenza medico legale. Solo dopo aver eseguito questi ulteriori accertamenti, il magistrato concederà il nulla osta per la restituzione della salma ai suoi familiari che potranno così disporre le esequie. È ristretto invece ai domiciliari l’operaio di 45 anni che era alla guida del furgone e che è risultato con una quantità di alcol nel sangue di circa sei volte superiore al consentito. Nei suoi confronti è stato ipotizzato il reato di omicidio stradale e nei prossimi giorni comparirà davanti al giudice per le indagini preliminari del tribunale di Ascoli per l’interrogatorio di garanzia nel corso del quale potrà fornire la propria versione dei fatti.

Da una prima ricostruzione dell’accaduto, i carabinieri giunti sul posto per i rilievi di rito, avrebbero accertato che il furgone condotto dal quarantaciquenne, nell’affrontare una semicurva mentre procedeva in direzione di Ascoli, avrebbe invaso la corsia opposta proprio mentre sopraggiungeva la motocicletta con in sella Federico Pietracci che stava torbnando a casa, a Castel di Lama, dopo essere andato a mangiare una pizza in compagnia di un amico. Lo schianto è stato violentissimo ed il centauro è morto sul colpo. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA