Disabili, sosta nelle strisce blu confermata. Ma sarà guerra ai furbetti, in arrivo controlli e multe più salate

Lunedì 15 Novembre 2021 di Luca Marcolini
Un permesso per disabili

ASCOLI - La guerra ai furbetti dei falsi permessi per disabili si combatterà, in città, esclusivamente con maggiori controlli e multe più salate, oltre ad eventuali risvolti penali. Senza intaccare la possibilità di parcheggiare gratis, per i titolari di apposite autorizzazioni, anche su tutti gli stalli a pagamento.

E a confermarlo, in anticipo rispetto a quanto definito dal nuovo codice della strada, è di fatto il nuovo accordo di rimodulazione della convenzione tra l’Arengo e la Saba che la giunta comunale ratificherà oggi.

 
Il cambiamento
Infatti, rispetto all’iniziale ipotesi emersa nel corso della trattativa tra le parti che prevedeva su proposta della società che gestisce i parcheggi di consentire la gratuità sulle strisce blu solo per 2 ore ai titolari di permesso per disabili, il sindaco Fioravanti, insieme al vice sindaco con delega al traffico Silvestri e all’intera giunta, ha deciso di non accogliere la richiesta e di consentire agli stessi possessori di tali permessi la sosta gratuita senza limiti di tempo.

Una decisione che ora trova anche il supporto della nuova normativa in materia, considerando che dal 2022 proprio il codice della strada obbligherà tutti ad andare nella direzione già percorsa dall’Arengo fino ad oggi a differenza di molte altre città italiane.

Adesso, però, la battaglia contro i furbetti proseguirà cercando di incentivare i controlli e con lo spauracchio di sanzioni che raddoppieranno e potranno arrivare fino a 672 euro, considerando che ogni giorno sono circa un centinaio le auto con permesso per disabili che sostano (spesso per l’intera giornata) sulle strisce blu e tra questi c’è chi utilizza permessi di parenti deceduti, oppure fotocopie o fingendo di accompagnare un invalido che in realtà non è mai uscito di casa.


Disabili e sosta gratuita
Proprio considerando la presenza di circa 100 auto con permesso per disabili ogni giorno in sosta per tutta la giornata o quasi sugli stalli blu a pagamento e tenendo conto che attualmente sono circa 3mila i permessi concessi, qualche mese fa, sul tavolo di confronto Arengo-Saba era emersa anche un’ipotesi, sollecitata dalla Saba, proprio per cercare di combattere il fenomeno dei furbetti che approfittano del permesso per invalidi per sostare gratis sugli stalli a pagamento.

L’ipotesi su cui si stava ragionando, era quella di consentire ai possessori del permesso in questione la sosta gratuita sugli stalli a pagamento soltanto per 2 ore, con disco orario. Dopodiché sarebbe scattato l’obbligo di pagare il ticket, per cercare di scoraggiare coloro che lasciano sistematicamente l’auto in sosta col permesso “H” per tutta la giornata o quasi utilizzandolo impropriamente e senza alcun diritto.


La crociata anti furbetti
Da questo punto di vista, però, a chiusura dell’accordo complessivo con la Saba che verrà formalizzato proprio nella giornata di oggi, il sindaco Fioravanti ha deciso di non andare ad intaccare comunque la possibilità di sostare gratuitamente ovunque per le persone con disabilità che realmente hanno diritto ad agevolazioni da questo punto di vista.

Facendosi forza ora anche sull’inasprimento delle sanzioni, grazie alle novità introdotte dal nuovo codice della strada che entrerà in vigore da gennaio 2022, con un raddoppio della fascia di applicazione da un minimo di 168 fino a 672 euro, l’Arengo adesso continuerà la crociata anti furbetti iniziata ormai da almeno un decennio puntando su una intensificazione dei controlli, anche con eventuali appostamenti e con la collaborazione della Saba, e sullo spauracchio delle nuove maxi-multe che dovrebbero comunque limitare l’abuso dei permessi.


L’abuso perpetuo
Un abuso che, purtroppo, continua ad essere ancora un fenomeno frequente, con la stessa Saba ha segnalato anche punte superiori alle 100 auto che giornalmente sostano sulle strisce blu col permesso per disabili, spesso per tutta la giornata o quasi, con fotocopie o comunque abusando del permesso di parenti o amici. In passato in diversi sono stati incastrati e sanzionati, ma i furbetti continuano a rappresentare un problema non trascurabile. Nel frattempo, quasi in maniera chirurgica, l’Arengo sta individuando nuovi stalli per la sosta riservati ai disabili dove possibile, in centro e nei vari quartieri. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA