Mezzo miliardo per la Salaria, si fa lo svincolo ad Acquasanta. Ma ci sono anche altri progetti, ecco quali sono

Mezzo miliardo per la Salaria, si fa lo svincolo ad Acquasanta. Ma ci sono anche altri progetti, ecco quali sono
Mezzo miliardo per la Salaria, si fa lo svincolo ad Acquasanta. Ma ci sono anche altri progetti, ecco quali sono
di Marco Vannozzi
3 Minuti di Lettura
Sabato 20 Novembre 2021, 08:20 - Ultimo aggiornamento: 09:53

ASCOLI  - Mezzo miliardo di euro per la Salaria: è quanto proposto nel piano di investimenti per il tratto marchigiano della strada statale. Il progetto cambierà in maniera decisa l’attuale percorrenza. Il commissario straordinario Fulvio Soccodato delinea il quadro nei dettagli, a margine della presentazione, a Force, della nuova struttura sociosanitaria. «Sarà completato l’adeguamento. Abbiamo fatto ripartire il cantiere della variante di Trisungo: realizzerà oltre due chilometri e mezzo di gallerie, completando i lavori iniziati nel 2017 e poi interrotti nel 2019», sostiene. 

LEGGI ANCHE;

La costa a Natale come una ville lumiere: l’8 dicembre luci accese e anche la banda musicale


Oltre a queste opere sono in programma anche diverse progettazioni come il completamento della variante di Acquasanta Terme. «Quattro chilometri di galleria, raggiungendo la città con un nuovo svincolo. Sarà occasione di una completa rigenerazione urbana del centro, oggi attraversato e tagliato in due dalla strada statale», aggiunge Soccodato. Secondo le previsioni, in meno di due anni si arriverà al completamento delle gallerie. Nell’agenda di Soccodato lavori anche per Favalanciata. «Verrà allargata la sede attuale della Salaria, saranno migliorate le curve che oggi costituiscono un rallentamento e un pericolo per i mezzi pesanti», dichiara il commissario. 


In programma anche un ulteriore progetto: verrà risolto il nodo di Mozzano. «Sarà creato uno svincolo che possa consentire sicurezza e fluidità. – sostiene - Costituirà il lancio per la futura Pedemontana che completerà lo schema viabile». Nelle intenzioni di Soccodato la volontà di dare nuova linfa a tutto il territorio, gravemente colpito da sisma e pandemia. «Produciamo una vera rigenerazione del sistema di mobilità in questa porzione di regione. Vogliamo aiutare il rilancio sociale ed economico che in questi ultimi anni sta prendendo il via» afferma. E giovedì pomeriggio il commissario si è recato anche in visita ad Arquata, dove si è incontrato con il sindaco Michele Franchi. Soccodato è soggetto attuatore per il coordinamento degli interventi di messa in sicurezza e di ripristino della viabilità delle strade di competenza di Anas e sub commissario di Giovanni Legnini per la ricostruzione.

«Guai a pensare che tutti i problemi siano stati risolti. – spiega Legnini - L’importante è avanzare verso la soluzione e coinvolgere tutti gli attori in un processo di ricostruzione che deve essere veloce e trasparente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA